Il 3 gennaio la Procura suprema per la sicurezza dello stato dell’Egitto ha rinnovato di altri 15 giorni la detenzione dell’avvocata Mahienour al-Masri, arrestata il 22 settembre scorso al Cairo proprio mentre stava lasciando gli uffici della procura.

Mahienour al-Masri, il cui arresto è scattato nei giorni delle ultime proteste di massa, è sotto indagine per “diffusione di notizie false” e “collaborazione con un gruppo terroristico nel perseguimento dei suoi obiettivi”.

Persona tra le più importanti del movimento dei difensori dei diritti umani in Egitto, insignita del premio Ludovic Trarieux per i diritti umani, Mahienour al-Masri è finita in carcere tre volte negli ultimi cinque anni. Nel febbraio 2015 era stata condannata a due anni di carcere per “manifestazione non autorizzata”, “danneggiamento di proprietà della polizia”, “aggressione alle forze di sicurezza” e “minaccia all’ordine pubblico”, il tutto per aver manifestato, il 29 marzo 2013, di fronte a una stazione di polizia di Alessandria in solidarietà con alcuni colleghi arrestati. L’11 maggio 2015 la condanna era stata ridotta a un anno e tre mesi e il 13 agosto 2016 era stata rilasciata.

Il secondo arresto risale al novembre 2017, per aver preso parte – sempre ad Alessandria – a una manifestazione contro la decisione del governo egiziano di cedere all’Arabia Saudita due isole nel mar Rosso, Tiran e Sanafir. Condannata il 30 dicembre a due anni di carcere per “manifestazione non autorizzata”, il 13 gennaio 2018 in appello era stata prosciolta e rilasciata.

Dopo aver ricevuto, tre giorni fa, la notizia della proroga della sua detenzione, Mahienour al-Masri ha annunciato la decisione di rifiutare, insieme ad altre detenute, il cibo fornito dalla prigione di al-Qanater, per protesta contro la negligenza medica che aveva causato la morte di una detenuta, Mariam Salem.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, video choc di torture dai centri di detenzione non riconosciuti in Libia

next
Articolo Successivo

Words are stone, la campagna online contro l’hate speech: cinque video per riflettere sulle situazioni di razzismo quotidiano. Il bar

next