Erano andate in discoteca per passare una serata di divertimento. Ma quando, poco prima delle 5 del mattino, sono uscite dal Megà, un locale vicino a Senigallia lungo la Strada provinciale 360 “Arceviese”, e si apprestavano a raggiungere l’auto parcheggiata a pochi passi dal locale, sono state investite e uccise da una Fiat Grande Punto condotta da un autotrasportatore 47enne, risultato positivo all’alcoltest con un tasso di quasi quattro volte superiore al limite consentito dalla legge e arrestato poco dopo dalla polizia stradale.

Sono morte così Elisa Rondina, 43enne di Colli al Metauro, maestra di scuola elementare, e Sonia Farris, 34enne, parrucchiera a Calcinelli. Sono state sbalzate in un campo adiacente, a vari metri di distanza, tanto che ai vigili del fuoco c’è voluto del tempo per individuare e recuperare i corpi. I sanitari del 118 hanno tentato delle manovre di rianimazione, risultate inutili. Il conducente dell’auto investitrice, Massimo Renelli, è accusato di duplice omicidio stradale: è stato lui stesso a chiamare i soccorsi, ma non è apparso lucido ed è stato subito sottoposto all’alcoltest a cui è risultato positivo. Agli agenti che lo hanno interrogato è apparso sotto choc: ha detto di essere dispiaciuto per ciò che è avvenuto e di aver avvertito di aver “colpito qualcosa”.

Dopo la morte delle due ragazze travolte e uccise a Roma poco prima di Natale, i sette turisti falciati da un’auto in Valle Aurina, più un altro investimento che si sospetta volontario a Imola, si tratta delle ennesime vittime di incidenti stradali. Nel caso di Senigallia molti puntano il dito, oltre che sull’alcol assunto da Renelli, sulla “strada della morte”, così è definita da alcuni residenti la Sp “Arceviese”, a causa della carreggiata ristretta e del poco spazio per i pedoni a lato della strada.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nicoletta Dosio, una donna esemplare in carcere per una grande opera inutile

next
Articolo Successivo

Napoli, gruppo di ragazzi sequestra ambulanza per far soccorrere l’amico con distorsione. Lamorgese: ‘Telecamere su mezzi tra 10 giorni’

next