In vista del traffico intenso in direzione nord lungo la A14 per il rientro dalle festività, Autostrade ha attivato un “piano straordinario per assistere e informare gli automobilisti”. È la stessa concessionaria a spiegarlo, annunciando che lungo l’autostrada Bologna-Taranto, è possibile che si verifichino code, anche a causa dei sequestri di alcuni viadotti disposti dall’autorità giudiziaria lungo la stessa tratta.

Le situazioni di criticità, in particolare, potrebbero verificarsi tra Vasto, in provincia di Chieti, e Porto Sant’Elpidio, in provincia di Fermo. Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, oltre agli altri enti interessati, “sono stati allertati dalla società”, fa sapere Autostrade. Quindi l’annuncio: “In caso di code significative per i restringimenti, dall’8 gennaio sarà possibile chiedere rimborsi del pedaggio” lungo le tratte A14 oggetto dei sequestri.

In quei tratti i provvedimenti sono stati disposti, lo scorso settembre, dalla procura di Avellino sui viadotti Fosso San Biagio, Campofilone, Santa Giuliana, Santa Maria, Cerrano, Marinelli, Valloscura, Petronilla, Sp e Fosso Calvano e Vallelunga. Il sequestro è stato deciso in seguito alla perizia di un docente dell’Università di Parma, Felice Giuliani, sulle barriere stradali di sicurezza redatta dal professore durante il processo per la strage di Acqualonga, che il 28 luglio 2013 causò 40 morti in provincia di Avellino e per la quale in primo grado sono stati condannati 6 dirigenti della concessionaria. L’accusa del perito nei confronti di Autostrade riguarda il mancato rispetto su progettazione e omologazione delle barriere, che non sarebbero sicure per gli automobilisti in caso di impatto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Paternò, rapina anziano e gli ruba i soldi appena prelevati: 39enne incastrato dalle telecamere

next
Articolo Successivo

Caserta, incendio in casa di riposo: due morti e quattro feriti. Tutti gli altri ospiti in salvo

next