Telegram, app di messagistica istantanea nota soprattutto per la sua estrema attenzione alla privacy degli utenti, ha salutato il 2020 con un mega aggiornamento che introduce tantissime novità, sia estetiche che funzionali, tra cui un nuovo editor dei temi, la possibilità di programmare l’invio di messaggi quando il destinatario torna online, il supporto a podcast e audiolibri e molte altre ancora, alcune specifiche solo per Android, altre esclusivamente per i sistemi iOS.

Molte novità, come detto, riguardano l’estetica. Il nuovo editor di temi ad esempio consente di personalizzare molto di più il client rispetto a prima, dando al possibilità ad esempio di impostare lo sfondo a gradienti di colore o con decine di nuove texture, condividendo anche i nuovi temi creati con altri utenti.

Tuttavia ci sono importanti novità anche per quanto riguarda la funzioni. Ad esempio ora potremo programmare l’invio dei messaggi quando il destinatario torna online, anche se è bene specificare che l’opzione non funziona per i destinatari che hanno nascosto il proprio stato. Per quanto riguarda la condivisione della propria posizione, ora è stata ulteriormente semplificata, consentendo la scelta di un luogo direttamente dalla mappa anziché da una semplice lista di posti nelle vicinanze. Quando si cercherà un termine all’interno di una chat inoltre i risultati saranno visualizzati in modalità lista.

Telegram supporta anche podcast e audiolibri, con la possibilità di “ricordare” dove si è arrivati quando si utilizzano file audio più lunghi di 20 minuti, per ripartire da quel punto in un secondo momento.

Per quanto riguarda le novità specifiche per Android invece, è stata aggiunta una nuova opzione per l’attivazione rapida del tema scuro, facilmente accessibile dal menu hamburger situato accanto alla propria foto profilo. L’aggiornamento introduce poi nuove animazioni quando si preme un pulsante, quando si accede all’archivio, quando si passa alla ricerca, quando si passa da un messaggio all’altro in una chat e quando si visualizza la foto profilo di un utente.

Altre novità riguardano la possibilità di condividere i contenuti di altre app a più destinatari contemporaneamente, semplicemente tenendo premuto l’apposito tasto e contrassegnare un archivio come già letto. È stata inoltre migliorata l’interfaccia, sia per quanto riguarda l’invio dei contatti che la selezione della qualità di un video da inviare. Infine, anche su Android è ora possibile selezionare una porzione di testo, come già succede su iOS.

Sui dispositivi Apple invece gli utenti potranno ora scegliere il browser predefinito per l’apertura di link esterni, modificare le dimensioni del testo nell’intera app, selezionare più messaggi senza abbandonare la modalità di ricerca come già accade su Android, scegliere quali chat e contenuti vengono visualizzati nella pagina di condivisione e cambiare account rapidamente semplicemente premendo a lungo sull’icona dell’app nella Home.

La pagina di monitoraggio dello spazio di archiviazione è stata inoltre riprogettata, ed è stata introdotta l’opzione per sincronizzare il tema, chiaro o scuro, con le impostazioni del sistema operativo. Infine all’interfaccia sono stati aggiunti diversi shortcut per svuotare immediatamente la cache delle chat, mentre nei gruppi con tantissimi utenti gli elenchi occupano ora meno spazio, così da consentire di non dover scrollare l’intero elenco, comunque espandibile tramite apposito pulsante, per abbandonare il gruppo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Xiaomi Mi Note 10, smartphone con penta camera da 108 Mpixel scontato del 21 % su Amazon

next
Articolo Successivo

‎L’intelligenza artificiale di Google riconosce i tumori dalle radiografie meglio di un essere umano

next