Ha suonato chitarra e tamburello in sala operatoria, alternando il repertorio proposto dalla neuropsicologa a momenti di improvvisazione mentre veniva operato al cervello per un tumore. Un musicista di 35 anni è stato operato da sveglio all’ospedale Molinette della Città della Salute di Torino, con la tecnica ‘asleep-awake’, che consente un’esportazione massimale con minimi rischi di deficit neurologici permanenti attraverso il monitoraggio delle funzioni del paziente. Si tratta di Alan Barinetta, polistrumentista e compositore di una nota band torinese, “La stanza di Greta”, già vincitrice nel 2017 della targa Tenco, per la migliore opera prima. Dopo la prima fase in narcosi, durante la quale è stato eseguito l’accesso chirurgico, il paziente è stato risvegliato in sala e si è proceduto con il brain mapping al fine di identificare un’area corticale ‘safe’ da cui iniziare ad aggredire la lesione. Durante il brain mapping, spiegano i sanitari, il 35enne ha alternato alla testistica ‘classica’ somministrata dalla neuropsicologa, momenti di improvvisazione ed esecuzione di brani musicali con ausilio di chitarra acustica e tamburello a mano. L’intervento è perfettamente riuscito.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Istituto superiore della sanità libera per la prima volta nove macachi utilizzati per la sperimentazione: “Impegno per alternative”

next
Articolo Successivo

L’energia pulita? Sta sotto il mare. E qualcuno è già andato a prenderla. Uno scrittore-tecnologo ci racconta un futuro sostenibile

next