Tremila mercenari sudanesi per combattere con l’autoproclamato Esercito nazionale libico (Lna) del generale Khalifa Haftar, l’uomo forte della Cirenaica che da aprile ha iniziato l’offensiva contro Sarraj, a capo del governo di Tripoli. L’unico in Libia riconosciuto dalla comunità internazionale. Non hanno un “calendario” stabilito per il ritiro e, soprattutto, non hanno un solo campo di battaglia perché “quando non hanno nulla da fare devono lavorare, a volte sono coinvolti nel traffico di esseri umani“.

Tutte dichiarazioni raccolte dal Guardian, che cita come fonte alcuni “comandanti”: dopo le notizie secondo cui uomini delle temute Forze di supporto rapido (Rsf) sarebbero arrivati in Libia per prendere parte alle operazioni volute da Haftar, “leader di due diversi gruppi di combattenti sudanesi attivi in Libia” hanno confermato al giornale l’arrivo di “centinaia di nuove reclute negli ultimi mesi”. Un comandante di base nel sud della Libia parla di “tanti giovani“, talmente tanti da ammettere che “non abbiamo nemmeno il posto per sistemarli”. Un comandante sudanese insiste sul ruolo cruciale dei suoi uomini nella “liberazione” dei campi petroliferi conquistati dalle forze di Haftar.

Alcuni dei principali gruppi sudanesi in Libia hanno combattuto nel Darfur. Secondo i “comandanti dei mercenari sudanesi” citati dal Guardian, tra le nuove “reclute” ci sono molti che hanno combattuto contro il regime di Omar al-Bashir, destituito l’11 aprile 2019 dopo 30 anni al potere. Una delle fonti afferma che in molti sono stati reclutati nel Darfur negli ultimi mesi, mentre altri sono arrivati direttamente in Libia per ‘arruolarsi’. “So che siamo mercenari e che non stiamo combattendo con onore e dignità – ha detto uno di loro – ma è una cosa temporanea, torneremo in patria appena si sarà conclusa la nostra missione qui”. Tutti i comandanti, scrive il Guardian, sperano infatti di tornare in Sudan per combattere contro il governo transitorio. Tra loro c’è chi parla della ‘missione’ in Libia come dell’unico modo per ottenere le risorse necessarie per poi combattere in Sudan. “Siamo in Libia – ha detto una fonte – Ma ci sono altre battaglie che ci attendono in Sudan“.

(foto d’archivio)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siria, raid russi su Idlib. Osservatorio per i diritti umani: “Morti otto civili, 5 sono bimbi”

next
Articolo Successivo

Israele, paura al comizio di Netanyahu: razzo sulla città, il premier portato via dalla scorta

next