“Manita” dell’Atalanta che a Bergamo travolge per 5 a 0 il Milan infliggendo ai rossoneri il più pesante passivo in campionato dal 1998 ad oggi. La squadra di Gian Piero Gasperini chiude così un 2019 da incorniciare (quarto posto in campionato scorso e qualificazione agli ottavi di finale di Champions League) con un risultato rotondo che proietta i nerazzurri al quinto posto in classifica con 31 punti. Ottava sconfitta stagionale in Serie A per i rossoneri fermi a 21 punti.

Il match valido per la 17esima giornata parte subito bene per la formazione di casa che al 10′ è già avanti, il ‘Papu’ Gomez parte dalla linea laterale, elude la marcatura di un difensore, rientra e di destro con un tiro a giro beffa Donnarumma sul secondo palo. Al 15′ traversa atalantina con Pasalic. Al 61′ Goesens sulla sinistra mette al centro un pallone basso e teso che torva la deviazione vincente di Pasalic, due minuti più tardi Ilicic scatta in contropiede, una volta in area si libera del difensore in marcatura e di destro infila Donnarumma.

Al 72′ sugli sviluppi di una punizione, ancora il fantasista sloveno riceve palla al limite e firma la sua doppietta con un sinistro a giro all’incrocio dei pali. All’81 Donnarumma salva su Castagne lanciato a rete ma due minuti più tardi deve capitolare nuovamente, lancio lungo di Malinowski per Muriel, Donnarumma e Musacchio non si capiscono e l’attaccante nerazzurro ne approfitta depositando in rete la palla del definitivo 5-0

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fiorentina, esonerato Montella. Caccia al sostituto: in pole Iachini, Di Biagio e Prandelli. Il sogno resta Spalletti

next
Articolo Successivo

Supercoppa italiana, Juventus-Lazio 1-3: non basta il tridente di Sarri, i biancocelesti di Inzaghi più concreti e lucidi

next