È stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale Roberto Gerolamo Filippini, sacerdote della Congregazione di don Orione e amministratore di sostegno di persone disabili accolte nell’Istituto Piccolo Cottolengo di Ercolano. Su delega della Procura di Napoli, la Squadra Mobile di Napoli ha eseguito un’ordinanza di applicazione della misura coercitiva della custodia cautelare in carcere a carico del sacerdote, ora indagato per abusi sessuali verso un ospite disabile dell’istituto. Filippini, che nel frattempo insegnava religione a Mestre, aveva chiesto di essere inviato in missione in Brasile. Secondo gli inquirenti ha sfruttato lo stato di inferiorità della vittima, trentenne con disabilità psichica. I fatti si sarebbero svolti fino a settembre scorso, quando l’uomo era vicedirettore dell’Istituto di Ercolano, aperto nel 1981 “con la finalità precisa di dare accoglienza a ragazzi bisognosi di cure e di attenzione particolare”.

Nello specifico, Filippini è un sacerdote dell’opera Don Orione che promuove, come si legge sul sito, servizi alla persona in ambito sanitario, socio-assistenziale ed educativo, ed è sostenuta da religiosi, laici e volontari. In tale ambito “si inserisce l’istituto di Ercolano, che da qualche anno ha avviato la revisione dei vari servizi per rispondere ai requisiti strutturali previsti dalla normativa vigente, e parallelamente, ha intrapreso un’importante azione di riorganizzazione e differenziazione della propria offerta di servizi per rispondere meglio ai nuovi bisogni assistenziali e sanitari della popolazione disabile”. La denuncia degli abusi sarebbe arrivata dagli stessi operatori del centro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sisma 2016, 51 lingotti d’oro con i fondi per l’accoglienza: nascosti sotto al letto di un indagato. Il video del ritrovamento

next
Articolo Successivo

Rifiuti, Roma la nuova discarica sorgerà nel territorio comunale: verrà costruita alla Tragliatella, vicino al Lago di Bracciano

next