Instagram d’ora in poi etichetterà i contenuti considerati falsi o parzialmente falsi, riducendone la diffusione sulla piattaforma. “Vogliamo che ti fidi di ciò che vedi su Instagram. La disinformazione basata su foto e video è sempre più una sfida nel nostro settore e qualcosa su cui i nostri team si sono concentrati ad affrontare”, ha spiegato il colosso social in un post ufficiale.

Il lavoro di sviluppo è iniziato lo scorso maggio in collaborazione con specialisti verificatori (fact-checker) indipendenti. In pratica si parla di identificare, analizzare ed etichettare informazioni false sfruttando le segnalazioni della community, la tecnologia e ovviamente l’approfondimento.

Una volta individuati i post fasulli, Instagram si occuperà di rimuoverli dalle pagine di ricerca e quelle dedicate agli “hashtag”. Inoltre è prevista la possibilità per gli utenti di “decidere meglio da sole cosa leggere, fidarsi e condividere”. L’etichetta di fatto rappresenta un segnale di allerta che comparirà nel flusso di pubblicazione, nel profilo, nelle storie e nei messaggi diretti.

“Usiamo la tecnologia di corrispondenza delle immagini per trovare ulteriori esempi di questo contenuto e applicare l’etichetta, contribuendo a ridurre la diffusione della disinformazione”, ha aggiunto il team. “Inoltre, se qualcosa viene valutato come falso o parzialmente falso su Facebook, a partire da oggi etichettiamo automaticamente i contenuti identici se pubblicati su Instagram (e viceversa)”.

Nel rispetto delle esigenze di trasparenza ogni etichetta disporrà di un collegamento al verificatore con riferimenti a fonti autorevoli che consentiranno di comprendere i motivi di ogni azione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spotter, l’app che ti premia se segnali il parcheggio auto che hai appena lasciato

next
Articolo Successivo

JBL Reflect Eternal, le cuffie che sfruttano la luce per ricaricarsi all’infinito

next