“Sono qui per difendere l’onore di Elio Lannutti, che viene attaccato sul piano personale. Le persone che lo criticano hanno paura della sua preparazione professionale, della sua storia e di ciò che potrebbe fare alla presidenza della commissione”. A dirlo è Antonio Di Pietro dopo l’incontro, all’hotel Fourm di Roma, con Beppe Grillo e il senatore del M5s, Elio Lannutti, candidato dalla maggioranza per la presidenza della commissione Banche. Lannutti è stato accusato di essere in una posizione di conflitto d’interesse per via del ruolo ricoperto dal figlio, Alessio, nell’Ufficio Enti della Banca Popolare di Bari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Commissione banche, Lannutti (M5s) non si ritira. Patuanelli lo difende: “Capacità indiscutibili”. E su Bari: “Bankitalia non ha vigilato”

next
Articolo Successivo

Docente sospesa a Palermo: “Tutto tace. C’è un clima di paura, colleghi e studenti temono persino di commentare i giornali in classe”

next