Non è Natale senza “All I Want for Christmas Is You” di Mariah Carey contenuto nel disco “Merry Christmas”. Il brano cult della diva del pop, uscito nel 1994, dopo 25 anni ha agguantato la prima posizione della classifica Hot 100 di Billboard. Lo scorso anno la canzone natalizia era arrivata al terzo posto. “Ce l’abbiamo fatta!”, ha subito commentato trionfante Mariah Carey sui social. Numeri da capogiro. La scorsa settimana il brano ha totalizzato 45 milioni di ascolti in streaming e 34 milioni di passaggi in radio. Per la cantante è la 19esima volta al primo posto della Hot 100 Billboard. L’artista scalza così Elvis Presley e si piazza in seconda posizione della classifica generale dei record. Al primo posto rimangono saldi i Beatles con 20 singoli al numero numero uno.

Quando ha pubblicato il disco nel 1994 Mariah Carey era all’apice del suo successo, dopo l’exploit di “Mariah Carey” (1990), “Emotions” (1991) e “Music Box” (1993). Il progetto natalizio di cover e inediti era una scommessa dell’ex marito e capo della discografica Sony Tommy Mottola, che compare come Babbo Natale nell’ormai celebre video cult della canzone. Un’altra piccola curiosità legata al brano è che fu composto in soli quindici minuti. Insomma nessuno avrebbe scommesso su “All I Want for Christmas Is You”, poi diventato un successo planetario e che avrebbe caratterizzato la carriera di Mariah Carey.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Red Hot Chili Peppers, John Frusciante ritorna nel gruppo: la “maledizione” della band con i chitarristi

next
Articolo Successivo

Cesare Cremonini si racconta a Sky Tg24: “Senso di rivalsa nato da bambino, ma è negli anni più bui della carriera che ho costruito il presente”

next