L’editoria italiana tira a campare e punta tutto sui tagli perché non ha ancora trovato il modo di affrontare con successo la sfida digitale. Nel focus sul settore dell’ufficio studi di Mediobanca ci sono tutti i limiti di un’industria che non riesce ad immaginare il suo futuro. Certo, nello scorso anno, i primi sette editori del Paese sono riusciti a far crescere il margine operativo che, in media, arriva al 5,7 per cento. Ma dietro a questo numero si celano soluzioni lacrime e sangue per dipendenti e collaboratori, non certo una nuova era di crescita. A trainare il risultato Cairo-Rcs che è nel pieno di un piano di rilancio. Va segnalato, inoltre, che la redditività dei sette maggiori editori italiani è seconda solo quella dei rivali tedeschi che però investono costantemente mettendo in sicurezza crescita del fatturato ed occupazione.

Arriva ancora dalla carta l’86,5% dei ricavi mondiali con il fatturato dei quotidiani che scende del 3,4% a 111 miliardi. Nessuna inversione di tendenza dunque rispetto al passato: dal 2014 la flessione è stata infatti del 13,2 per cento. Resta stabile la diffusione cartacea (-0,3%), mentre registra un lieve miglioramento (+1%) la diffusione complessiva che include anche il digitale. Migliorano i ricavi da diffusione digitale che sono più che raddoppiati in ultimi cinque anni. Registra invece un vero e proprio boom la pubblicità digitale che lo scorso anno ha segnato un aumento del 24,8 per cento. La pubblicità sui giornali subisce un crollo del 28,9% in ultimi cinque anni segnando una flessione dell’8% nel 2018. Il ribasso dei ricavi da diffusione cartacea accelera notevolmente (-7,4%) contro il -2,5% dell’anno prima.

Fra i diversi media sono i giornali a soffrire maggiormente perdendo 240mila copie al giorno. In totale sono andate perse 2,5 milioni di copie, un terzo (-32,3%) in meno rispetto al 2014 . Su base annua il calo si è invece attestato all’8,6 per cento. Aumentano le copie digitali, ma non in maniera proporzionale: l’incremento è stato infatti del 13% a quota 380 mila.

Sulla base del giro d’affari i primi sette gruppi editoriali in Italia, che rappresentano il 67% del totale settoriale, chiudono il 2018 con una flessione dei ricavi del 4% a 3,4 miliardi. Tiene l’editrice Cairo-Rcs, primo gruppo editoriale del Paese, con 1,224 miliardi (+0,5%), mentre gli altri editori sono tutti in terreno negativo. Mondadori (Berlusconi) perde l’8,1% a 891 milioni, Gedi (Exor) il 5,9% a 649 milioni, il Sole 24 Ore (Confindustria) cede il 5% a 211 milioni. Rallentano anche Monrif (174 milioni, -1,7%)), Caltagirone (139 milioni, -7,3%) e Class (69 milioni, -3,2%).

Sotto il profilo della redditività, i primi sette editori registrano un netto miglioramento del margine operativo netto (+5,7% del fatturato contro lo 0,3% del 2014). Un risultato possibile soprattutto grazie al fatto che Rcs è tornata ad avere un margine operativo netto positivo (12,3%). Tuttavia lo stesso indicatore è risultati in calo per il gruppo Cairo Editore, che controlla Rcs (dal 13,1% del 2014 all’ 8,4% lo scorso anno). In miglioramento anche Mondadori (dal 2,8% al 6,4%). Ma si tratta delle sue uniche eccezioni. Le altre aziende sono tutte in territorio negativo. Soffre in particolare il gruppo Class (da -10,4% a -12,5%) focalizzato essenzialmente sul segmento economia e finanza. Complessivamente, come spiega Mediobanca, il miglioramento dei margini è il risultato del taglio del costi. Gli investimenti sono più che dimezzati in cinque anni con l’occupazione che è scesa del 14,1 per cento. Ciononostante i bilanci restano in rosso per cinque editori su sette. Riescono a produrre risultati positivi solo Cairo-Rcs con 60 milioni di profitti e l’editrice toscana Monrif con 11 milioni di utili.

L’editoria italiana non è naturalmente la sola a soffrire nel Vecchio continente. Tuttavia secondo lo studio c’è anche chi riesce a far funzionare bene le cose. In Germania i ricavi crescono dell’1% e l’occupazione aumenta del 3,2%, mentre la redditività industriale si attesta all’8,1% senza tagliare gli investimenti: è al 7,2% il tasso d’investimento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Il Fatto Personale

di Antonio Padellaro 12€ Acquista
Articolo Precedente

Rai, l’intervista ad Assad trasmessa online dopo essere andata in onda sui media siriani

next
Articolo Successivo

Casapound vs Facebook, chi vince e chi perde

next