Bagarre a Dimartedì (La7) sul caso dell’articolo di Libero dedicato a Nilde Iotti, stavolta tra più protagonisti: oltre al direttore responsabile del quotidiano, Pietro Senaldi, nell’acceso dibattito intervengono anche l’editorialista de La Repubblica, Concita De Gregorio, la giornalista di Radio Rai Ilaria Sotis e il direttore de Il Giornale, Alessandro Sallusti.
Quest’ultimo difende il pezzo di Libero, tacciando i critici di mancanza di ironia. E aggiunge: “Era una recensione di una fiction, nella quale la signora Iotti andava a letto col segretario del Partito Comunista. Peraltro, le donne romagnole sono famose nel mondo per la loro esuberanza, celebrata anche da Fellini e da Guccini“.

De Gregorio mette le mani tra i capelli: “Non ci credo. Non penso che tu ti riferisca a quella esuberanza lì”.
“Sì, parlo proprio di quella esuberanza”, ribadisce Sallusti.
“Vabbè, ma io non penso che dobbiamo parlare di questo – insorge la giornalista – La cosa triste e grave è che non si capisca il peso di questo sconcio, perché questa è una cosa sconcia. Allora, vi pongo queste domande: come fate a sapere che Nilde Iotti fosse brava a letto? Chi ve lo ha detto? Cosa vuol dire ‘essere bravi a letto’? Magari poi, se me lo dite voi, ve lo dico anche io. E infine vorrei sapere se essere bravi a letto sia una caratteristica che serve in politica“.

Interviene anche Ilaria Sotis, che respinge il marchio ‘ironico’ affibbiato all’articolo di Giorgio Carbone e viene scimmiottata da Senaldi, tra le risate di Sallusti. Sotis non raccoglie la provocazione e continua: “Nessuno ha chiesto scusa. E la gente romagnola è indignata per quell’articolo. Inoltre, non è la prima volta che Libero fa cose di questo genere. Ci ricordiamo tutti il titolo “La patata bollente” su Virginia Raggi“.
Era un grande titolo giornalistico condannato politicamente in maniera sbagliata“, si difende Senaldi.
Sotis cita anche il titolo pubblicato ieri da Libero sulla premier finlandese. E Senaldi, contraddicendo la tesi esposta nella discussione con Elsa Fornero, afferma: “Io non ne posso più dei santini su Nilde Iotti. Dal mio punto di vista, Nilde Iotti era una stalinista, e quindi per me politicamente era il male assoluto“.

La polemica riprende quando De Gregorio definisce ‘allucinante’ la frase pronunciata poc’anzi da Senaldi nel suo vis-à-vis con Elsa Fornero e menziona la polemica sul film di Checco Zalone.
E Senaldi ribatte: “Io sono stato molto fortunato nella mia vita per aver incontrato quelle uniche due o tre donne non sessuofobe“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fondo salva-Stati, senatore Lucidi (M5s) a La7: “Mes è il casus belli, nel M5s non ci è concesso spazio”

next
Articolo Successivo

Formigli, la replica a Renzi: “Perché equipari la tua vicenda alla mia? Perché Italia Viva non ha rimosso la foto della mia casa?”

next