“L’evasione? È l’esaltazione dell’individualismo esagerato. È un problema serio in molti paesi, lo è nel nostro. Significa ignorare che si vive insieme e la convivenza significa contribuire tutti insieme, come dice la Costituzione, alla vita comune. Chi evade si sottrae a questi doveri, cerca di sfruttare le tasse che pagano gli altri per i servizi di cui si avvale. È una cosa a rifletterci davvero indecente, di particolare gravità”. Così il presidente della Repubblica Sergio Mattarella definisce l’evasione fiscale rispondendo ad alcuni studenti della scuola secondaria di secondo grado, ospiti del Quirinale. “Nell’ultimo documento ufficiale l’evasione è pari a 119 miliardi di euro, una somma enorme. Se scomparisse la possibilità di aumentare pensioni, stipendi, tasse per chi le paga, e così via, aumenterebbe – aggiunge il Capo dello Stato – Il problema è sì di norme verifiche e controlli, che stanno dando qualche risultato, ma è soprattutto di cultura di mentalità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mattarella: “Chi evade le tasse sfrutta chi le paga. È una cosa davvero indecente. Problema anche di norme, interventi e controlli”

next
Articolo Successivo

Prescrizione, Fico: “Esigenza giustizia e tempi veloci dei processi vanno coniugati. Spero che il parlamento faccia la sua strada”

next