Un fattorino malandrino scaricava decine di pacchi e ogni tanto ne nascondeva qualcuno di valore per poi portarselo a casa. I furti compiuti da Emmanuel Lamont Reggin Jr. sono stati definitivamente scoperti dopo diverse settimane dalla polizia della contea di Miami Dade e descritti sul sito web dalla Cnn. Il ragazzo ha ricoperto per un certo periodo il ruolo di aiutante stagionale di un fattorino Ups che consegnava pacchi nella zona sud orientale della città della Florida. Solo una settimana fa, in un giorno di consegne, Reggin Jr. ha però prima scaricato oltre 5mila pacchi poi ad un certo punto di fronte a due Amazon Kindles, un iPad 7 e un Microsoft Surface Pro ha pensato bene di controllare che il suo collega fosse lontano per sottrarre i pacchi e nasconderli dietro ad un cassonetto dell’immondizia.

La stessa cosa è accaduta alcuni giorni dopo quando in mezzo ad oltre duemila pacchi in consegna Reggin Jr. ha selezionato con cura un laptop HP e due console Sony PS4. Identico il nascondiglio occasionale dietro al cassonetto. Identica anche la dinamica del recupero finito il turno di lavoro. Ma se il primo furto è andato a segno senza colpo ferire, al secondo dietro ai cassonetti il ragazzo ha trovato sia la merce da riportare a casa sua ma anche alcuni agenti della polizia di Miami che l’hanno arrestato. Il ladro ha poi confessato tutto alle autorità che a loro volta hanno ritrovato tutta la merce rubata precedentemente tra il baule dell’auto e l’appartamento di Reggin Jr. L’ammontare del furto è poco meno di 3mila dollari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Torna in vita dopo sei ore di arresto cardiaco: “Un caso eccezionale, unico al mondo, di sicuro senza precedenti documentati in Spagna”

next
Articolo Successivo

Accende il microonde e gli va a fuoco la casa: a far scoppiare l’incendio è stato il cane

next