Quel pasticciaccio bruttino di Storia di Nilde. Gira e rigira la ruota delle fiction tv Rai, ma il risultato non cambia mai. La patina sottilissima ad ottundere profondità e rotondità dei personaggi è un must. Le fiction Rai, a parte rarissimi casi, sono tutte fotograficamente identiche. Il cosiddetto stampino. Ma per rifare la vita, o almeno un quarantennio di politica attiva dagli anni quaranta ai settanta, di Nilde Iotti, una delle donne comuniste più importanti e rivoluzionarie d’Italia, ecco la grande novità stilistica: il rimescolamento dei linguaggi con montaggio alternato. Attenzione. Una roba che a confronto Ejzenstejn era un dilettante. Storia di Nilde, infatti, è una fiction tricefala. Una parte esile esile e sbrodolante retorica recitata e ricostruita in vitro (lo stampino di cui sopra), una parte di documentario con veri filmati d’epoca, una incomprensibile e inutile parte di interviste documentarie vis a vis con testimoni e conoscitori della storia. Il tutto mescolato come un cocktail impazzito. Lo spiazzamento per la “novità” non è comunque da poco. Anche perché il coefficiente di difficoltà così si alza.

E infatti Storia di Nilde vince il premio Gadda del pasticciaccio. Intanto inquadriamo il tentativo storico culturale di fondo: mostrare la modernità e contemporaneità femminile e femminista della Iotti. Le sue lotte per la parificazione di genere pre ’68, la sua relazione clandestina con Togliatti proprio nei mesi della Costituente e dell’attentato di fronte all’ipocrita moralismo sociale dell’epoca, la vita da first lady assieme a “il Migliore”, il cammino politico sulle proprie gambe tra il vicino Berlinguer, le lotte studentesche (è forse la seconda o terza volta che nella storia il ’68 appare di fianco al nome della Iotti ndr) e le battaglie etiche degli anni settanta (referendum divorzio e aborto). Il tentativo, appunto, è quello di isolare l’icona, di farne un’eroina solitaria chiaroscurando “il partito”.

Però un conto, infatti, è dare del troglodita o dell’omofobo a un democristiano come Giovanni Leone, ma quando la critica si prova ad estenderla a Pietro Secchia o ad altri figure più ombrose del passato comunista a Botteghe Oscure l’operazione è un tantino più azzardata e faticosa. Il problema di fondo è che non si può di certo incolpare il Partito Comunista Italiano di possibili arretratezze a livello socio-culturale durante gli anni 50 e 60. Proprio perché il PCI con la sua immensa forza emancipatrice per le classi più povere ha contribuito alla crescita etica di questo paese come nessun altro. È un dato di fatto storico incontrovertibile. E lo ha fatto dimostrando che i diritti civili si possono ottenere con esteso consenso popolare soltanto dopo aver ottenuto un’emancipazione economica e quindi sociale. Così se con Storia di Nilde si tenta di rileggere un passato storico “collettivo” attraverso una singola figura, e inserendolo nell’evo contemporaneo da individualismo spinto, il cortocircuito percettivo è assicurato. Non aiuta poi la parte pura di fiction che fa acqua da tutte le parti.

Lo script è una sequela di frasi solenni, momenti topici, apici continui, esemplificati da personaggi esangui, imparruccati e spinti ad una recitazione caricaturale (si veda il Berlinguer arruffato e banale di Vincenzo Amato). Tanto che l’attesa è sempre per quegli splendidi filmati d’epoca – alcuni piuttosto rari – che rinvigoriscono il tessuto e il respiro del racconto. Solo che appena riesci a godere un attimino del travolgente impeto della storia reale in bianco e nero e subito ti vengono appioppate vuote e didascaliche interviste a ex compagni di partito della Iotti (c’è pure Napolitano versione panama sulle ventitre), a giornalisti e storici che sanno molto ma che finiscono nei tagli e ritagli di montaggio a non spiegare nulla. Insomma la ratio che ha spinto alla tripartizione espositiva della narrazione rimane un mistero. E la povera Iotti nelle mani di una pur volenterosa Anna Foglietta finisce per essere un’acciughina magrissima (una sardina?), simil nervosa madamina ottocentesca piemontese, quando invece Nilde era una partigiana e contadina emiliana, scorza dura e cervello finissimo, personaggio austero e autorevole, perentorio e irreprensibile. Insomma se proprio si doveva scomodare la Iotti ci si poteva impegnare molto di più.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mercedesz Henger contro la madre Eva Henger a Pomeriggio 5: “Non la voglio più vedere”

next
Articolo Successivo

X Factor 13, Tiziano Ferro e Tha Supreme risollevano lo show, il vincitore annunciato Eugenio eliminato a sorpresa: “Mi do fuoco”

next