Quest’anno il mese di dicembre si rivela caldo per quanto concerne gli eSport in Italia: dopo la vittoria pochi giorni fa dell’italiano Tonizza su Ferrari, i prossimi due weekend vedono infatti in calendario eventi di un certo peso per la scena nazionale.

Si parte il 7 e l’8 al Palazzo dei Congressi di Roma EUR con EsportFest, un evento organizzato da ESL Italia in collaborazione con Comicon che porterà nella capitale tornei, show match e momenti di incontro con in propri fan per alcuni dei più grandi influencer videoludici italiani, vedendo i Mates a presenti nella giornata di sabato e Giorgio “Pow3r” Calandrelli la domenica. All’interno dell’evento la winter season di ESL Vodafone Championship si concluderà vedendo andare in scena giorno 7 la finalissima del campionato di League of Legends tra MOBA ROG e Outplayed, con il supporto tecnico di Lenovo, mentre giorno 8 sarà il turno di Clash Royale, con un mini-torneo con winner e loser bracket tra i 4 migliori giocatori del campionato (Pasti, chief keef, Rob e Mostema).

Sempre nella cornice di EsportFest i presenti potranno assistere alle finali dell’ESL Campionato nazionale PlayStation di Crash Team Racing: Nitro Fueled e Rainbow: Six Siege, ad una tappa delle preselezioni per la Nazionale Italiana che andrà a competete su PES all’eEURO2020 – gli europei “vituali”-, oltre a poter partecipare in prima persona a tornei gratuiti in loco nell’apposita area allestita da Sony Interactive Entertainment Italia, vedendo tra i titoli su cui sarà possibile competere Rainbow Six Siege, Tekken, Fortnite, Call of Duty, FIFA20, Pro Evolution Soccer e Crash Team Racing.

Il weekend successivo invece si aprirà con la finale del Red Bull Factions, il torneo nazionale di League of Legends a fazioni organizzato dal celebre produttore di bevande energetiche, che per quest’anno ha cambiato leggermente forma: per scegliere i 3 team finalisti si è scelto di tenere un campionato dove la sfida tra i team si è giocata con l’insolito formato a “torre”, formato che ha visto ad ogni giornata giocato una sorta di torneo vedendo premiati maggiormente i team che sono riusciti a “scalare” -passando di turno in turno- la torre, ed offrendo al vincitore un posto in cima per il turno successivo. Per la finale a 3, che si giocherà sabato 14 alle ore 15:00 presso l’Infront Studio di Milano, al momento l’unico team sicuramente qualificato è quello dei QLASH Forge, per scoprire gli altri due si dovrà attendere i risultati dell’ultima “torre”.

Domenica 15, sempre all’Infront Studio di Milano, andrà in scena la finale della stagione invernale del Tom Clancy’s Rainbow Six Siege PG Nationals 2019, il campionato italiano di Rainbow Six Siege su PC organizzato da PG Esports ed Ubisoft. A sfidarsi sul palco, per lo sparatutto tattico di Ubisoft, saranno i Mkers, team campione in carica e primi in classifica nella fase di campionato, ed i Samsung Morning Stars giunti in finale dopo aver eliminato nelle semifinali rispettivamente Cyberground Gaming e GoSkilla Academy. Sarà possibile seguire l’evento in streaming sui canali ufficiali di R6.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’FBI lancia l’allarme: attenzione alle Smart TV, possono essere impiegate per spiarci

next
Articolo Successivo

Pokémon Spada e Scudo, alcuni passi in avanti rispetto al passato con un assaggio di open-world – La nostra prova

next