Che Crash Team Racing sia uno dei giochi più amati dal pubblico della console Sony è innegabile. Una sua riedizione è stata richiesta a gran voce per anni e Beenox, casa di sviluppo che aveva già curato Crash Bandicoot: N.Sane Trilogy (remastered del platform), ha raccolto il guanto di sfida con Crash Team Racing Nitro-Fueled, donando nuova vita all’originale, rivisitandolo ma mantenendo al contempo intatta la sua anima originaria; il risultato è fresco e divertente come il gioco originale, ma con tutti i pregi che le nuove tecnologie possono offrire al giocatore.

La story mode ci permetterà di vivere un avventura con Crash e soci seguendo le vicende di Nitros Oxide, alieno venuto a minacciare la terra e a sfidare i piloti più veloci del globo: è compito del Bandicoot fargli cambiare idea, bruciando l’asfalto delle svariate piste presenti nel gioco. Sul versante tecnico il gioco punta decisamente alla nostalgia, senza cambiare nulla se non ripulire e rendere più attuali i modelli presenti, il risultato è davvero molto bello con un Crash Bandicoot in splendida forma, con tutti i suoi amici e nemici ottimamente caratterizzati e pronti a sfrecciare sulle piste lanciandosi armi folli che fanno impallidire i ben noti gusci verdi di Mario Kart, il tutto, senza rallentamenti o perdite di frame; per avere gli agognati 60fps bisognerà però possedere le versioni potenziate delle console Sony e Microsoft.

L’aderenza e la manovrabilità dei mezzi è un po’ diversa da come la ricordavamo venti anni fa, con le auto che tendono a slittare più facilmente e un aderenza inferiore rispetto al gioco originale, ma basteranno pochi giri per ritrovare subito il feeling di tanti anni fa. Il comparto sonoro è decisamente migliorato rispetto all’originale, soprattutto grazie a un nuovo doppiaggio che rende molto più carismatici tutti e 26 i personaggi del gioco, sbloccabili man mano si vincono tornei e missioni speciali, ammucchiando collezionabili e sfrecciando per tutte e 30 le piste presenti nel gioco – molte in eredità del gioco originale, qualcuna dal seguito che in pochi ricordano – , ottenendo una longevità che pochi giochi di guida possono vantare, soprattutto di questo genere.

Un progetto come tanti nato dalla richiesta insistente dei fan che però dimostra di avere un cuore pulsante e carisma da vendere, non solo una mossa di marketing ma tanta attenzione ai dettagli rendono indubbiamente Crash Team Racing Nitro-Fueled un ottimo acquisto per chi ama giocare con gli amici, soprattutto sullo stesso divano complice lo split screen, che vi permetterà di prendervi a gomitate esattamente come venti anni fa, perché il multiplayer online è sicuramente divertente, ma niente batte una partita a CTR in quattro coi propri amici sul divano di casa!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Esports, i QLASH annunciano una nuova partnership con MSI e Logitech

next
Articolo Successivo

Grazie alle strategie dei giocatori del videogame EteRNA nasce una rete neurale avanzata per la ricerca sull’RNA

next