Le smart TV sembrano innocui elettrodomestici ma, secondo l’FBI, non lo sono affatto. Le TV connesse a Internet e spesso dotate di webcam e microfoni, possono essere infatti la porta d’ingresso non custodita sulle nostre vite, quella da cui potrebbero passare hacker e malintenzionati per spiarci a nostra insaputa. Per questo, accanto all’invito a prestare la massima attenzione, nel comunicato apparso sulla home page della sede FBI di Portland, nell’Oregon, ci sono diversi suggerimenti semplici e pratici per ovviare almeno in parte al problema.

In Italia, è un dato di fatto, la maggior parte della smart TV non sono connesse a Internet. Per molti di noi, nonostante la presenza di un sistema operativo e la possibilità di scaricare app come uno smartphone, esse non rappresentano che l’ultima evoluzione del caro vecchio televisore e come tale continua a essere utilizzato. Negli Stati Uniti però evidentemente la situazione dev’essere diversa e per questo l’FBI ci ha tenuto a richiamare l’attenzione degli utenti sui rischi che la presenza in casa di una TV connessa comporta.

Foto: Depositphotos
Foto: Depositphotos

“‎Oltre al rischio che il produttore della TV e gli sviluppatori delle app possano ascoltarti e guardarti, il televisore può essere anche l’accesso per gli hacker alla tua casa”, si legge nel comunicato. “‎Gli hacker possono anche prendere il controllo della tua TV non protetta. Tra le varie cose che potrebbero fare, quelle meno rischiose consistono nel cambiare canale, giocare con il volume e mostrare ai tuoi bambini video inappropriati. Nel peggiore dei casi, possono accendere la fotocamera e il microfono della TV della tua camera da letto e spiarti senza che te ne accorga”.

Così anzitutto l’FBI consiglia di conoscere bene le funzioni della propria smart TV e imparare come impostarle in modo che rispettino la nostra privacy. “Effettuate una ricerca su Google inserendo il nome di modello e produttore e i termini camera, privacy e microfono”, suggerisce il comunicato. Il secondo consiglio è di non lasciare mai le impostazioni predefinite.

Cambia la password se ne sei capace e impara come disattivare microfono, fotocamera e raccolta dei dati. Se non è possibile farlo valuta attentamente se sei disposto a correre il rischio di acquistare quel modello o utilizzare quel servizio”. Nel caso, suggeriscono anche di posizionare sulla webcam un semplice pezzo di nastro isolante nero, soluzione resa popolare qualche tempo fa dal CEO di Facebook Mark Zuckerberg e ormai diffusasi universalmente.‎

‎Infine il Federal Bureau of Investigation dà altri due consigli: verificare la capacità del produttore di aggiornare il dispositivo con le patch di sicurezza e controllare l’informativa sulla privacy per il produttore del televisore e i servizi di streaming che utilizzi, verificando quali dati raccolgono, come li archiviano e cosa ne fanno.‎

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Google, il tracciamento delle spedizioni arriverà sul motore di ricerca

next
Articolo Successivo

EsportFest, Red Bull Factions e PG Nationals di Rainbow Six: il dicembre caldo dell’eSport italiano

next