“Ha risposto sulle Cacs (Collective action clause, ndr)? No. E allora si informi prima di parlare“. Continua la lite a distanza tra il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e il leader della Lega, Matteo Salvini. L’attacco del capo del governo arriva dopo che l’ex ministro dell’Interno, intervistato da Fanpage, non ha saputo sciogliere l’acronimo delle clausole di azione collettiva del Meccanismo europeo di stabilità. “È ossessionato da me, ma gli italiani lo pagano per risolvere i problemi, non per insultarmi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Prescrizione, due le controproposte del Pd: la riforma Orlando estesa oppure graduale nei diversi gradi di giudizio

next
Articolo Successivo

Dieci anni fa scendeva in piazza il Popolo viola. Oggi a muovere le Sardine è un’esigenza simile

next