“Ha risposto sulle Cacs (Collective action clause, ndr)? No. E allora si informi prima di parlare“. Continua la lite a distanza tra il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e il leader della Lega, Matteo Salvini. L’attacco del capo del governo arriva dopo che l’ex ministro dell’Interno, intervistato da Fanpage, non ha saputo sciogliere l’acronimo delle clausole di azione collettiva del Meccanismo europeo di stabilità. “È ossessionato da me, ma gli italiani lo pagano per risolvere i problemi, non per insultarmi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Prescrizione, due le controproposte del Pd: la riforma Orlando estesa oppure graduale nei diversi gradi di giudizio

next
Articolo Successivo

Dieci anni fa scendeva in piazza il Popolo viola. Oggi a muovere le Sardine è un’esigenza simile

next