Per la terza generazione del Surface Laptop Microsoft ha deciso di ampliare l’offerta rispetto al passato, sia dal punto di vista delle dimensioni, commercializzandolo con schermi da 13,5″ e 15″, sia dal punto di vista del design, con varianti full-metal ad affiancare quelle con l’area a circondare la tastiera in Alcantara. Durante le ultime settimane abbiamo provato il modello da 13,5″, in una configurazione con CPU Intel i5-1035G7, 8GB di RAM ed SSD da 256GB.

Il design del Surface Laptop 3 è semplice, sottile e con linee molto pulite, nel modello in prova esaltate dalla colorazione Nero Satinato del corpo interamente in alluminio; durante l’uso il notebook di Microsoft offre un’ottima sensazione di resistenza e durabilità senza che il peso ne venga influenzato (1,29Kg circa).

Ottimo a nostro parere lo schermo, capace di offrire con il suo pannello una buona definizione dei dettagli e dei colori; come di consueto per la linea Surface, anche su questo modello è usato uno schermo con rapporto 3:2 (2256×1504 la risoluzione), che se da una parte lo rende meno adatto alla visione di video (che oggi utilizzano in genere un rapporto 16:9) aggiungendo vistose barre nere orizzontali, dall’altra offre un maggiore spazio verticale molto più utile in ambito lavorativo, come nella redazione di testi o l’uso di fogli di calcolo, e nella lettura di documenti. Un plus che può rivelarsi comodo le funzionalità Touchscreen (fino a 10 punti di contatto) con supporto alla Surface Pen.

Spesso dimenticata dai più è la lunga esperienza di Microsoft nella produzione di periferiche come tastiere e mouse, ed il Surface Laptop 3 la evidenzia tutta. Nonostante la corsa corta dei tasti dovuta anche alla compattezza del dispositivo, la tastiera si rivela molto comoda offrendo un ottimo feedback di digitazione e senza far mai notare più di tanto il minor spazio a disposizione di un 13″; di ottimo livello l’ampio touchpad, che offre ottimi tempi di risposta oltre ad una buona sensazione al tatto dato dal materiale che lo ricopre.

Dal punto di vista prestazionale il processore a bordo è più che ottimo per l’utilizzo con le suite d’ufficio, così come per la navigazione e per operazioni leggere di fotoritocco con Photoshop, meno per operare su video. Sul versante gaming, il Surface Laptop 3 vi permetterà di giocare a titoli più vecchi o meno affamati di potenza, vedasi Age of Empires II, Overwatch (abbassando la risoluzione) e simili.

Ottima la prova della batteria, in grado di mantenere il dispositivo in uso ben oltre le 10 ore in un utilizzo misto browsing/visione filmati. Buona la webcam integrata, affiancata dalla camera IR che permette lo sblocco automatico tramite riconoscimento del viso (molto rapido, anche senza sorgenti di luce esterne oltre all’illuminazione del display stesso). Gli speaker anche in questa generazione del Surface Laptop sono montati al di sotto della tastiera, riuscendo ad offrire ottime prestazioni nonostante non abbiano un sistema di diffusione dedicato.

Qualche piccolo neo del notebook di Microsoft emerge sul versante connettività, se è ottima dal punto di vista wireless con disponibilità di WiFi6 e Bluetooth 5.0, lo è di meno dal punto di vista “cablato”, sono presenti infatti, oltre l’ingresso per jack da 3,5 ed il connettore Surface (utilizzato di base per l’alimentazione), solo 1 porta USB-A ed 1 USB-C, senza però il supporto Thunderbolt.

Il Surface Laptop 3 da 13,5″ è un ottimo prodotto per chi cerca una soluzione “premium, ma preferisce rimanere in ambito windows, vedendo la configurazione da noi provata offerta con un prezzo di circa 1250€, giustificabile principalmente dalla qualità costruttiva, dal look e dalla portabilità (rinunciando a qualcosina sul versante prestazionale). È possibile portarsi a casa la versione base, con 128GB di memoria, a soli 999€ ma per un PC – considerando anche lo spazio occupato dal sistema operativo – la memoria a bordo potrebbe rivelarsi presto limitata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Satelliti robot che riparano e riforniscono altri satelliti: progetto di sviluppo in corso

prev
Articolo Successivo

Corsair K63, tastiera con tasti meccanici per gaming e produttività in sconto su Amazon

next