Lunedì 2 dicembre Leo Messi salirà sul palco del Teatro Chatelet di Parigi per ricevere il suo sesto Pallone d’Oro. A spoilerare con una settimana d’anticipo chi riceverà il più importante premio individuale nel calcio, assegnato da France Football, è il quotidiano spagnolo Mundo Deportivo. Questa mattina il giornale si presentava in edicola con la notizia in prima pagina: “Messi sa già che vincerà il Pallone d’Oro”.

Il quotidiano ha rivelato di aver saputo che una delegazione del settimanale francese France Football è stata lunedì a Barcellona per preparare il servizio fotografico e l’intervista a Messi con cui aprirà il settimanale martedì prossimo, il 3 dicembre. Dall’entourage del calciatore argentino non arrivano conferme ma nemmeno smentite. Intanto sempre il Mundo Deportivo riporta le dichiarazioni del giornalista Francesc Aguilar, ex vicedirettore del quotidiano spagnolo che per anni ha partecipato alla scelta del vincitore del Pallone d’Oro: ha confermato, citando fonti interne a France Football, che Messi è stato il giocatore più votato. La votazione per eleggere il Pallone d’Oro 2019 si è chiusa lo scorso 9 novembre.

Se le indiscrezioni dovessero essere confermate, il numero 10 del Barcellona porterebbe a casa il sesto Pallone d’Oro, dopo quelli di 2009, 2010, 2011, 2012 e 2015. Messi staccherebbe nuovamente Cristiano Ronaldo che rimarrebbe fermo a cinque. La sua vittoria riaprirebbe la polemica sul duopolio Messi-Cr7, al termine di un anno solare in cui l’argentino ha conquistato solamente la Liga spagnola, anche se ha vinto la Scarpa d’Oro ed è stato capocannoniere della Champions League, dove però il suo Barcellona è stato eliminato dal Liverpool. Proprio nella rosa dei Reds campioni d’Europa milita il giocatore che secondo molti meriterebbe il premio: il difensore olandese Virgil van Dijk.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mario Balotelli, ecco la frase del presidente del Brescia Cellino finita nella bufera

prev
Articolo Successivo

Kitikaka – A Quelli che il calcio c’è il ministro Speranza: dalla Stazione spaziale sono quasi sicuri di aver registrato un cenno di sorriso

next