Un pomeriggio da sogno per Turati, il baby portiere classe 2001 del Sassuolo chiamato a sostituire Consigli. Respinge i tentativi di Ronaldo e Dybala, rischia qualcosa su Ramsey ma la fortuna aiuta gli audaci. “È difficile spiegare quello che mi è capitato, sono in un vortice di emozioni, ma sono molto contento perché è stato enorme – Stefano Turati, classe 2001, ha esordito in Serie A tra i pali del Sassuolo contro la Juventus e ha permesso con la sua ottima prestazione di pareggiare -. Ho saputo ieri ad allenamento che avrei giocato. Il tiro più difficile da parare? Quello di Ronaldo, perché con Dybala ho usato l’istinto. E poi psicologicamente Cr7 è più difficile. Questo è solo un punto di partenza, anche se al rigore mi sono tremate le gambe” ha detto il portiere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Atletica, allenatore le inietta Epo nel sonno: Claude-Boxberger tradita dal coach

prev
Articolo Successivo

Crisi Napoli, il problema non sono le multe ma Ancelotti: ha fallito prima lui, poi lo spogliatoio

next