È la volta buona per legalizzare la cannabis? Partecipanti ed espositori al Canapa Expo 2019, pur convinti della necessità di una legge, non sono disposti a scommetterci. “In teoria l’attuale maggioranza di governo è favorevole, ma non sembra che sia tra le loro priorità”, dichiara più di una voce. “Il tempo per legalizzare è adesso, se poi torna al governo il centrodestra non se ne parlerà più per anni”, prevedono altri. E così – secondo molti degli intervistati – l’Italia rischia di perdere un altro treno. In ambito professionale infatti è noto che “l’utilizzo ricreativo della cannabis è solo una parte della questione“. “È giusto legalizzare per sottrarre quel mercato alla criminalità e garantire un prodotto sicuro”. Ma serve una regolamentazione chiara innanzitutto “per liberare le straordinarie potenzialità della canapa, dall’uso terapeutico all’industria dei derivati”. E voi che ne dite?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disabili, la vita rocambolesca di Dario Ercolano è una storia di rinascita

next
Articolo Successivo

Arezzo, la prima casa di produzione cinematografica con attori disabili. “Abbiamo cominciato imitando Hollywood. Siamo supereroi”

next