È la volta buona per legalizzare la cannabis? Partecipanti ed espositori al Canapa Expo 2019, pur convinti della necessità di una legge, non sono disposti a scommetterci. “In teoria l’attuale maggioranza di governo è favorevole, ma non sembra che sia tra le loro priorità”, dichiara più di una voce. “Il tempo per legalizzare è adesso, se poi torna al governo il centrodestra non se ne parlerà più per anni”, prevedono altri. E così – secondo molti degli intervistati – l’Italia rischia di perdere un altro treno. In ambito professionale infatti è noto che “l’utilizzo ricreativo della cannabis è solo una parte della questione“. “È giusto legalizzare per sottrarre quel mercato alla criminalità e garantire un prodotto sicuro”. Ma serve una regolamentazione chiara innanzitutto “per liberare le straordinarie potenzialità della canapa, dall’uso terapeutico all’industria dei derivati”. E voi che ne dite?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Disabili, la vita rocambolesca di Dario Ercolano è una storia di rinascita

prev
Articolo Successivo

Arezzo, la prima casa di produzione cinematografica con attori disabili. “Abbiamo cominciato imitando Hollywood. Siamo supereroi”

next