Piegaciglia alla mano, inizia il proprio discorso improvvisando un tutorial di make-up. Ma è semplicemente una scusa (geniale) per parlare della condizione dei musulmani in Cina. Una ragazza di 17 anni statunitense, Feroza Aziz, denuncia gli abusi che subirebbero gli uiguri, la minoranza musulmana che vive nella provincia dello Xinjiang. E lo fa proprio sul social network nato in Cina, Tik Tok. Perché il suo messaggio venga diffuso il più possibile, Aziz utilizza questo trucco per aggirare la censura. La ragazza era stata bannata dal social per un mese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Clima, von der Leyen: “Venezia sott’acqua, è un problema per l’Europa”. Poi cita Gentiloni: “Credo in lui”

next
Articolo Successivo

Caruana Galizia, arrestato ex capo di gabinetto Schembri. In manette anche il medico del presunto mandante

next