Inizia a delinearsi la finalissima per accedere a Sanremo Giovani 2019 che si terrà al Teatro del Casinò di Sanremo il 19 dicembre in prima serata su RaiUno. È Tiziana Rivale con un paio di ballerini ad aprire il secondo appuntamento di “Sanremo Giovani a ItaliaSì!“, sempre sulla prima rete nazionale. Forse una decisione orientata a conquistare il pubblico del pomeriggio più âgé, dopo gli ascolti di sabato scorso a 1.445.000 spettatori pari al 10.4% di share, un po’ pochi per la grande vetrina collaterale legata al Festival di Sanremo. Il risultato in termini di ascolti va a peggiorare. Collegati a “Italia Sì” c’erano 1.456.000 spettatori con il 9.9%.

I primi 5 finalisti votati dalla Giuria demoscopica e dalla Commissione musicale, presieduta dal direttore artistico Amadeus e composta da Claudio Fasulo, Leonardo De Amicis, Massimo Martelli e Gian Marco Mazzi, sono: Fadi con il brano “Due noi”, Fasma con il brano “Per sentirmi vivo”, Leo Gassmann (figlio dell’attore e regista Alessandro) con il brano “Vai bene così”, Marco Sentieri con il brano “Billy Blu” e Thomas con il brano “Ne 80”. Il secondo blocco di semifinalisti sarà sottoposto al vaglio delle due giurie sabato 7 dicembre. Inspiegabile l’eliminazione della cantautrice Federica Abbate che ha firmato alcuni dei grandi successi di Alessandra Amoroso, Fedez, Arisa, Emis Killa e Giusy Ferreri. Per quest’ultima e Baby K, ad esempio, ha scritto la hit pluripremiata “Roma-Bangkok”. È il secondo anno consecutivo che la cantante è stata eliminata a un soffio dalla promozione.

Al termine delle quattro Semifinali si conosceranno quindi i dieci finalisti che si sfideranno la sera del 19 dicembre per conquistare cinque degli otto posti disponibili per la sezione “Nuove Proposte” del Festival di Sanremo 2020. Due saranno assegnati agli artisti provenienti da Area Sanremo e uno è riservato alla vincitrice di “Sanremo Young”, Tecla Insolia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Opera di Roma, prima assoluta di “Un romano a Marte” scritta da un under 35 (con un po’ di elettronica): “La lirica non è finita con Verdi”

next
Articolo Successivo

Domenica In, la rivelazione di Paolo Bonolis sulla morte del padre fa commuovere lo studio

next