Un film già visto e rivisto. L’Atalanta che controlla la partita per 70 minuti, la Juventus che fa poco o nulla ma poi da un gol su rimpallo trova la scintilla per ribaltare la gara. A Bergamo finisce 3 a 1 per i bianconeri, passati in svantaggio con la rete di Gosens al 56′ e poi trascinati da una doppietta di Gonzalo Higuain. Il gol di Dybala nel recupero sigilla l’undicesima vittoria della squadra di Maurizio Sarri che resta in vetta alla classifica in solitaria. Sull’altra panchina Gian Piero Gasperini si trova a riflettere sui soliti difetti: una squadra che, nonostante la produzione di gioco, non riesce a capitalizzare e poi cala fisicamente nell’ultima mezz’ora di gioco. Questa volta, ad aumentare i rimpianti, c’è anche il rigore sbagliato da Musa Barrow nel primo tempo.

LA CRONACA – L’Atalanta parte bene e di testa Djimsiti manda il pallone di poco fuori. All’11′ ci prova su punizione Dybala che manda sul fondo. La squadra di Gasperini spinge e un destro di Toloi impegna Szczesny. Al 16′ occasione per i bergamaschi: l’arbitro Rocchi fischia un calcio di rigore per l’Atalanta per un fallo di mano di Khedira, ma Barrow sbaglia dal dischetto colpendo la traversa. Al 23′ un colpo di testa di Pasalic impegna Szczesny che si salva in tuffo. Atalanta vicinissima al gol un minuto dopo: De Sciglio salva davanti alla porta su tiro a botta sicura di Hateboer a porta vuota. Bernardeschi non ce la fa e a metà primo tempo entra Ramsey. Nel finale di tempo Higuain tenta il tiro dal limite ma Palomino in scivolata chiude in angolo. Poi due punizioni da lontano di Pjanic senza fortuna.

Ad inizio ripresa Pasalic prova il sinistro, palla deviata in angolo da De Ligt che poi ha un problema alla spalla. A al 56′ Atalanta in vantaggio: cross dal fondo destro di Barrow e colpo di testa di Gosens che porta i padroni di casa in vantaggio. Al 62′ Gomez serve per Muriel ma De Ligt salva la Juve. La squadra di Sarri, complice anche un calo dell’Atalanta, sale in cattedra. ci pensa Higuain: al 74′ mischia in area di casa, palla che torna al Pipita che la gira, deviazione di Toloi e gol dell’1-1. La squadra di Gasperini prova la reazione con una conclusione potente da fuori di Muriel ma Szczesny devia in angolo. All’82′ la Juve la ribalta: assist dalla destra di Cuadrado e gol di Higuain. Azione iniziata con un fallo di mano di Cuadrado. Nei sei minuti di recupero la Juve trova il tris: ripartenza bianconera con Higuain che serve Dybala che rientra sul sinistro e chiude sul primo palo con il gol del 3-1.

Sostieni ilfattoquotidiano.it,
ABBIAMO BISOGNO DI TE

Su ilfattoquotidiano.it navighi gratis: ma il nostro lavoro ha un costo. E la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è bloccata, fatica a ripagarlo. Sostienici. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sinisa Mihajlovic, un mese fa il trapianto di midollo osseo: è stato dimesso dall’ospedale

next
Articolo Successivo

Milan-Napoli, nessun rilancio e nessun flop: segnano Lozano e Bonaventura, finisce 1-1

next