Google Earth, la piattaforma online gratuita che consente di visualizzare fotografie aeree e satellitari della Terra, adesso dispone di un nuovo strumento per creare delle “storie” di viaggi. In pratica sfruttando la mappa si possono disegnare punti di interesse, delimitare territori, allegare testi, immagini e video.

“Puoi organizzare la tua storia in una narrazione e collaborare con gli altri”, spiega Google. Insomma lo strumento si presta a molteplici usi. Prima di tutto potrebbe essere impiegato per costruire un programma di viaggio – anche in collaborazione con altri, oppure per realizzare un resoconto di ciò che si è visto in vacanza, oppure ancora per esercitazioni scolastiche e contribuire così allo studio della geografia.

Il vantaggio è che tutto è gestibile online via browser Chrome; non c’è bisogno di scaricare e installare software aggiuntivi. La visualizzazione poi può avvenire anche tramite smartphone e tablet affidandosi alle app Google Earts per Android e iOS.

“Grazie a un’integrazione con Google Drive, puoi condividere le tue storie con il pubblico e possono vederle ovunque: telefono, tablet o laptop. Soprattutto puoi invitare altri a collaborare e creare progetti con te”, sottolinea Google.

Per accedere al nuovo strumento è sufficiente attivare un account Google e poi procedere attraverso semplici passaggi. Nella homepage di Google Earth basta cliccare il tasto a sinistra “in Chrome” e attendere il caricamento. Dopodiché nella colonna di sinistra dell’interfaccia è presente una voce chiamata “Progetti” che consente di avviare il proprio selezionando luoghi, percorsi, dettagli, etc. Volendo è disponibile anche un video tutorial che spiega ogni comando.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Blink e Blink XT2, videocamere di sicurezza in sconto su Amazon

next
Articolo Successivo

Vigor GK30 Combo: provate tastiera e mouse da gaming entry level di MSI

next