Un gin al sapore di… sterco d’elefante. La nuova frontiera di gusto dei superalcolici passa dalle feci di un pachiderma. Lo spiegano con grande competenza ed entusiasmo i coniugi sudafricani Les e Paula Ansley che hanno inventato l’Indlovu, un gin che si prepara utilizzando quelle graziose palle di feci lasciate dagli elefanti nella savana. “Delizioso, boscoso, speziato” è il giudizio di qualità gustativa degli Ansley sul loro gin. L’idea è venuta ai due dopo un safari e dopo aver saputo che nello sterco degli elefanti permane una varietà di frutti e fiori che gli animali mangiano ma che non riescono a digerire del tutto, anzi: più dei terzi del cibo mangiato non viene digerito. Il primo tentativo venne fatto diversi anni fa e lo sterco venne spedito loro per posta. Ma da diverso tempo oramai i due lo vanno addirittura a raccogliere, a mani nude, direttamente sul territorio di evacuazione. La proporzione è cinque sacchi di sterco per circa 4mila bottiglie di gin. Ovviamente le bottiglie sono etichettate, archiviate e contrassegnate con le classiche annate e i luoghi da cui proviene la materia prima. Va segnalato che il 15% degli introiti derivanti dalla vendita dell’Indlovu viene devoluto dagli Ansley ad una fondazione africane che protegge le specie in pericolo d’estinzione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Apre il portabagagli e trova una sorpresa terrificante. Ma la sua reazione è da ridere

next
Articolo Successivo

“Mangia un coniglio selvatico e contrae la peste bubbonica”

next