Timbrano ogni giorno ma senza lavorare. È la storia dei 7 dipendenti (6 operatori e un’animatrice) dell’Ipab (istituto pubblico di assistenza e beneficenza) per anziani Villa Betania, ad Agrigento. Il centro è stato chiuso il 28 febbraio 2019 per “carenze igienico – sanitarie” dovute soprattutto alle problematiche strutturali dell’immobile. Se tutti gli anziani sono però stati trasferiti in altre case di riposo della provincia, nonostante l’addio di tutti i dirigenti, l’Ipab è rimasto legalmente aperto con i soli 7 operatori, costretti ogni settimana a svolgere 36 ore di lavoro nonostante in quelle stanze non ci siano anziani da accudire. Per evitare di recarsi ogni giorno al lavoro gli operatori hanno scelto di fare tre notti a settimana dentro la struttura ormai fatiscente.

Oltre al danno, la beffa: dal 2018 i 7 operatori non ricevono lo stipendio, tanto che avanzano 18 mesi di arretrati. Impossibilitati a licenziarsi in quanto perderebbero ogni agevolazione (disoccupazione, tfr) e obbligati a timbrare il cartellino, le 7 persone, uomini e donne, si trovano così in una prigione, senza far nulla. Dall’addio degli anziani sono cambiati 4 presidenti della società che vive (viveva) sia grazie alle rette degli anziani, sia grazie ai soldi del Comune di Agrigento. In matassa ingarbugliata, i dipendenti della struttura adesso non hanno neanche dei riferimenti per farsi firmare permessi e altri documenti, rimanendo di fatto soli. Ad aggravare la situazione le condizioni della struttura: dalla chiusura dello scorso l’edificio, dove i 7 sono costretti ad “lavorare” e dormire, è divenuto un ricettacolo per topi, insetti e scarafaggi; uno dei balconi è a rischio crollo e diversi calcinacci sono già caduti dalla facciata, tra erba incolta e degrado assoluto. Il caso è arrivato anche in consiglio comunale ad Agrigento, con l’assessore alla Solidarietà sociale Gerlando Riolo che ha dichiarato di come la responsabilità del caso spetta alla Regione e al consiglio d’amministrazione da essa nominato: “I Comuni, tra i quali quello di Agrigento – ha scritto in una nota l’assessore – compartecipano al pagamento delle rette di degenza degli ospiti. Il Comune di Agrigento è in regola con i pagamenti. Certamente se superficialità e inefficienze ci sono state non sono e non possono essere addebitate al Comune di Agrigento, ma alla autonoma gestione della struttura, probabilmente determinate da difficoltà economiche, certamente non dipendenti dal Comune di Agrigento”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Barcellona Pozzo di Gotto, esplosione in un deposito di fuochi d’artificio: cinque morti e due feriti

prev
Articolo Successivo

Da ex questore ho assistito a molti delitti commessi da uomini in divisa. E la risposta deve essere sempre una sola

next