Xiaomi prosegue la propria espansione in Europa. Nel corso di un evento organizzato a Madrid infatti, l’azienda cinese ha annunciato l’arrivo nel Vecchio Continente della propria gamma di televisori smart. Non ci sono tutti i modelli commercializzati in patria, ma sono sufficienti ad andare incontro alle esigenze di buona parte degli utenti, con una particolare attenzione, come da tradizione per il brand, al portafogli.

Le Smart TV Xiaomi che arrivano in Europa appartengono alla gamma Mi TV 4A. Per la precisione, si tratta di tre modelli, rispettivamente da 32, 43 e 55 pollici. Tutti sono basati su Android TV 9, ovvero la versione del sistema operativo Google pensata appositamente per questo tipo di dispositivi. Questo vuol dire, ad esempio, poter installare direttamente sul televisore applicazioni come Netflix, Amazon Prime Video e YouTube.

Il modello più piccolo, quello da 32 pollici, è caratterizzato da risoluzione di 1.360 x 768, per cui siamo al di sotto del Full-HD, probabilmente un po’ troppo bassa su una diagonale del genere. La frequenza di aggiornamento del pannello è pari a 60 Hertz, per cui si tratta di un televisore in grado di offrire buone prestazioni anche se abbinato alle console da gioco come PlayStation e Xbox.

Frequenza di aggiornamento condivisa anche dai modelli da 43 e 55 pollici, che però offrono risoluzione 4K (3.840 x 2.160 pixel). In questo caso, inoltre, si parla di un pannello compatibile con lo standard HDR, per cui è possibile accedere ai contenuti di servizi come Netflix alla massima qualità. In più, entrambi offrono gli standard DTS-HD e Dolby Audio sugli altoparlanti, caratteristiche che dovrebbero garantire un suono di alto livello.

Capitolo prezzi e disponibilità. Per adesso, Xiaomi non ha comunicato le cifre per il mercato italiano, mentre ha confermato quelle per la Spagna. Il modello da 32 pollici verrà venduto a 179 euro, quello da 43 pollici a 349 euro e quello da 55 a 449 euro.

Mi Note 10

L’altra grande novità annunciata da Xiaomi è l’arrivo in Europa (Italia inclusa) del Mi Note 10. Si tratta di un nuovo smartphone che punta tutto sul comparto fotografico. È infatti il primo al mondo a integrare una fotocamera posteriore da ben 108 Megapixel, peraltro assistita da altri quatto sensori. In attesa di provarlo sul campo, potremmo essere difronte a un ulteriore step evolutivo per la fotografia su smartphone.

Il dispositivo offre comunque tanto altro, a cominciare dallo schermo AMOLED da 6,47 pollici. Ci sono poi 6 Gigabyte di RAM, 128 Gigabyte di memoria interna e una batteria enorme da 5.260 mAh (milliamperora). Per avere un metro di paragone, basti pensare come iPhone 11 Pro Max, un prodotto già grande di per sé, ne integri una da 3.969 mAh.

In ogni caso, per acquistare il Mi Note 10 saranno necessari 599,90 euro, una cifra importante ma coerente con quanto offerto a livello tecnico. Il prezzo invece scende sensibilmente per il Redmi Note 8T, altro smartphone annunciato da Xiaomi nel corso dell’evento di Madrid. Per portarselo a casa serviranno 229,90 euro, nonostante le specifiche tecniche appartengano a una fascia superiore.

Potremmo essere difronte all’erede naturale del Remi Note 7, smartphone che ha riscosso un successo travolgente quest’anno, anche in Italia. Anche sul nuovo modello troviamo infatti una fotocamera principale da 48 Megapixel, un ampio display da 6,3 pollici e 4 Gigabyte di RAM. Insomma, un dispositivo pronto a monopolizzare gli acquisti natalizi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Huawei Nova 5T è lo smartphone con grande autonomia e un buon comparto fotografico, prezzo alto ma calerà

prev
Articolo Successivo

OE Buoy, la turbina da 800 tonnellate che cattura le onde del mare trasformandole in energia

next