Nella notte tra il 17 e il 18 novembre i manifestanti hanno incendiato un furgone blindato mentre la polizia tentava di disperdere le proteste nel campus della Hong Kong Polytechnic University. Nell’Università erano asserragliati circa 200 manifestanti, attrezzati con archi, frecce e bombe molotov. Poi, nella mattinata del 18 novembre, i manifestanti hanno tentato di lasciare il campus dopo che il presidente del Politecnico aveva riferito che la Polizia avrebbe sospeso l’uso della forza. Mentre uscivano, però, le forze dell’ordine hanno comunque accerchiato i giovani, tentando di arrestarli, causando una loro ritirata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Hong Kong, assedio nel campus universitario: 38 feriti, 154 arresti. La polizia agli studenti: “Arrendetevi”

next
Articolo Successivo

Bosnia, tempesta sul campo profughi di Vucjak: tende distrutte e sommerse dal fango

next