Nella notte tra il 17 e il 18 novembre i manifestanti hanno incendiato un furgone blindato mentre la polizia tentava di disperdere le proteste nel campus della Hong Kong Polytechnic University. Nell’Università erano asserragliati circa 200 manifestanti, attrezzati con archi, frecce e bombe molotov. Poi, nella mattinata del 18 novembre, i manifestanti hanno tentato di lasciare il campus dopo che il presidente del Politecnico aveva riferito che la Polizia avrebbe sospeso l’uso della forza. Mentre uscivano, però, le forze dell’ordine hanno comunque accerchiato i giovani, tentando di arrestarli, causando una loro ritirata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Hong Kong, assedio nel campus universitario: 38 feriti, 154 arresti. La polizia agli studenti: “Arrendetevi”

prev
Articolo Successivo

Bosnia, tempesta sul campo profughi di Vucjak: tende distrutte e sommerse dal fango

next