Nella notte tra il 17 e il 18 novembre i manifestanti hanno incendiato un furgone blindato mentre la polizia tentava di disperdere le proteste nel campus della Hong Kong Polytechnic University. Nell’Università erano asserragliati circa 200 manifestanti, attrezzati con archi, frecce e bombe molotov. Poi, nella mattinata del 18 novembre, i manifestanti hanno tentato di lasciare il campus dopo che il presidente del Politecnico aveva riferito che la Polizia avrebbe sospeso l’uso della forza. Mentre uscivano, però, le forze dell’ordine hanno comunque accerchiato i giovani, tentando di arrestarli, causando una loro ritirata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Hong Kong, assedio nel campus universitario: 38 feriti, 154 arresti. La polizia agli studenti: “Arrendetevi”

next
Articolo Successivo

Bosnia, tempesta sul campo profughi di Vucjak: tende distrutte e sommerse dal fango

next