Il 45% dell’opinione pubblica è convinto che ArcelorMittal usi l’abolizione dello scudo penale come un pretesto per rinunciare a un investimento che non ritiene più redditizio. È quanto emerge da un sondaggio realizzato da Ipsos per il Corriere della Sera sulla crisi dell’Ilva di Taranto, sull’orlo della chiusura stando al cronoprogramma impostato dalla multinazionale dell’acciaio e comunicato ai ministeri competenti e agli enti locali nella giornata di venerdì.

Meno di un italiano su quattro – secondo l’istituto di rilevazione presieduto da Nando Pagnoncelli – crede invece che il colosso della siderurgia abbia invece ragione ad andar via (23%) perché non è possibile investire in un Paese in cui le norme sulla tutela legale – garantite dal 2015 per decreto prima ai commissari e poi ai compratori – sono cambiate a maggio con il decreto Crescita e poi avrebbero dovuto essere nuovamente inserite nel decreto Salva Imprese, se un emendamento firmato da 17 senatori M5s non l’avesse cancellate con la complicità del voto favorevole di Pd e Italia Viva. Il 32%, infine, non sa o non si esprime.

Per quanto riguarda l’operato del governo di fronte all’annunciato disimpegno di ArcelorMittal, invece, gli italiani si dividono. Secondo Ipsos, il 34% ritiene che stia agendo male con il rischio di scontentare tutti, sia sotto il profilo occupazionale che ambientale. Il 30 per cento, invece, giudica positivamente le mosse del Conte 2 perché fatte alla ricerca di una soluzione migliore per tutti. In questo caso, il giudizio è polarizzato tra gli elettori degli schieramenti: chi supporta i partiti di opposizione critica, chi sostiene i partiti che sono in maggioranza è invece soddisfatto.

La nazionalizzazione, invece, incontra favori trasversali. Pur dividendo gli italiani in valore assoluto (34% contrari, 32% favorevoli), secondo Ipsos sono maggiormente favorevoli a un passaggio dell’acciaieria allo Stato gli elettori leghisti (41%) e dei Cinque Stelle (44%). Mentre sono prevalentemente contrari gli elettori democratici (36) e di Forza Italia (39).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mose, il monologo di Crozza: “Oggi serve solo per far cagare i gabbiani. Come è possibile che dopo 16 anni non siano finiti i lavori?”

next
Articolo Successivo

M5s, Di Maio: “Governare con il Pd non è semplice. Regionali? Ci presenteremo dove siamo pronti”

next