Massimo rispetto a Liliana Segre, che porta sulla sua pelle i segni dell’orrore del nazismo o del comunismo“. Sono le discutibili parole del senatore della Lega, Matteo Salvini, nel corso di Dimartedì (La7), a proposito della senatrice a vita Liliana Segre, equiparando i nazisti che nel 1944 la deportarono nel campo di concentramento di Auschwitz all’Armata Rossa che, dopo un anno di prigionia e di lavori forzati, la liberò dal campo di Malchow.

Salvini aggiunge: “Invito tutti a essere tranquilli, ma l’ennesimo proiettile che è arrivato a Matteo Salvini non ha ricevuto mezza parola di condanna da parte di nessuno, né in politica, né sui giornali. Non vorrei che qualcuno ritenesse che le minacce a Salvini e alla Lega valgano di meno”.
Nasce un botta e risposta con il conduttore Giovanni Floris, che gli ricorda che il valore simbolico delle minacce a una vittima dell’olocausto è immensamente maggiore di quello proprio delle minacce a un politico. Salvini ribadisce il suo assunto, accusando “la sinistra in senso lato” di dargli del “fascista, nazista, razzista”.

Il senatore della Lega si sofferma anche sulla manovra economica che avrebbe fatto la Lega: “Avremmo messo molti più soldi“.
E dove li trova?“, chiede con stupore Floris.
Dagli italiani” – risponde Salvini – Occorre andare a Bruxelles per chiedere la possibilità di usare per gli italiani i soldi degli italiani”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Razzismo, lite Gruber-Meloni a La7: “Destra ambigua con gli stranieri”. “Lei mi sta accusando”

prev
Articolo Successivo

La7 prova a collegarsi con Berlusconi, ma lui dopo un po’ rinuncia: “Sono di un’altra generazione”. Myrta Merlino: “No, non ce la fa”

next