Un metro d’acqua dentro la Basilica di San Marco, sopra i mosaici dorati, attorno alle colonne bizantine da poco restaurate che succhiano il salso come cannucce, nel nartece che sembra trasformato in una piscina olimpionica. E la cripta allagata. Un disastro per il gioiello architettonico simbolo di Venezia, un patrimonio artistico e religioso senza precedenti.

Impotente di fronte a tale scempio, come racconta “Il Gazzettino”, Pierpaolo Campostrini, procuratore di San Marco con delega ai servizi tecnici, ha deciso che i responsabili delle bellezze artistiche italiane avrebbero dovuto vedere. Altrimenti non avrebbero capito. Ha fotografato il nartece allagato e ha mandato l’immagine dello sfregio a Paola De Micheli, ministro alle Infrastrutture che pochi giorni prima si è recato in visita a Venezia. Un’allusione ai tempi infiniti del Mose e una preoccupazione per il presente. “Basta! Il tempo non è una variabile indipendente! Le cose vanno fatte. Il problema dell’acqua alta va risolto e in questa generazione”.

L’appello non poteva restare inascoltato, anche perché i filmati di San Marco in ammollo stanno facendo il giro del mondo. Il ministro Dario Franceschini ha rassicurato che verranno concessi i fondi chiesti dalle Procuratorie e dalla Soprintendenza per affrontare i danni causati dalle acque alte e per fare una diagnosi delle ferite profonde inferte dall’acqua. Il ministro manderà i suoi ispettori per valutare la situazione e poi assegnare i soldi. Ma servono anche opere di prevenzione, visto che il Piccolo Mose finora realizzato non basta. Campostrini spiega: “Noi ce la mettiamo tutta per salvare la Basilica. Da aprile funziona un sistema di valvole e pompe che tiene all’asciutto il nartece dalle acque fino a 85-88 centimetri. Quest’estate ci siamo salvati da tante maree che gli anni scorsi sarebbero entrate. Ma a quote più alte non c’è difesa”. Figuriamoci ora che quella quota è stata superata di un metro. “Non possiamo abituarci a tutto questo. È intollerabile! Il Mose deve entrare in funzione per le maree più alte. E per quelle intermedie vanno completate anche le opere di rialzo della città, che sono al 70 per cento. Piazza San Marco va impermeabilizzata, ma a che punto è il progetto? Vorremmo saperlo. Tutto va troppo a rilento!”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Acqua alta a Venezia, città sommersa. Piazza San Marco allagata. Raffiche a centro all’ora: un morto fulminato

next
Articolo Successivo

Acqua alta a Venezia, la sirena che ha anticipato una notte da incubo e i danni. E la Laguna aspetta i tre giorni di alta marea

next