I dipendenti ottengono un primo mini taglio del cuneo fiscale. Ma, insieme a una quarantina di euro in più in busta paga, per loro arrivano la discussa stretta fiscale sulle auto aziendali e quella sui buoni pasto cartacei. Anche per le partite Iva il testo del ddl di Bilancio appena inviato al Parlamento per la conversione in legge – passibile quindi di ulteriori modifiche fino a fine anno – è una vittoria a metà. Dopo il tira e molla nella maggioranza sui paletti per limitare l’accesso alla flat tax, il punto di caduta è stato che gli autonomi, i professionisti e le imprese con redditi fino a 65mila euro che hanno scelto la tassa piatta al 15% (5% per le start up) continueranno a poter applicare il regime forfettario di determinazione dei costi. In compenso viene introdotto un limite di 20mila euro ai compensi che possono essere versati a collaboratori o dipendenti: chi supera quella cifra tornerà a pagare le tasse in base alle normali aliquote Irpef. Idem per chi oltre al reddito da autonomo ne ha anche uno da lavoro dipendente o da pensione che supera i 30mila euro. Paletti che, stando alla relazione tecnica, ridurranno i beneficiari della flat tax da 1,4 milioni a poco più di un milione di contribuenti.

Giù il cuneo ma aggravi su auto aziendali e buoni pasto cartacei
Sul taglio del cuneo fiscale la manovra è scarna: tutti i dettagli sono rinviati a un provvedimento successivo. La legge si limita a creare un Fondo per la riduzione del carico fiscale sui lavoratori dipendenti, con dotazione di 3 miliardi nel 2020 e 5 dal 2021. Occorre quindi attendere i dettagli. Il governo comunque ha anticipato e più volte ribadito che l’intera cifra stanziata andrà a ridurre l’imposizione a carico dei lavoratori, come auspicato dal Pd. Se sarà confermato che il taglio si applicherà a chi guadagna fino a 35mila euro, le minori trattenute appesantiranno la busta paga di 40 euro netti al mese in media. Chi già riceve il bonus Renzi di 80 euro – riservato a contribuenti con redditi sotto i 26.600 euro – avrà un vantaggio minore. Chi invece ha redditi superiori a 26.600 euro, e non ha quindi diritto al credito Irpef renziano, avrà un aumento fino a 95 euro mensili.

Sull’altro piatto della bilancia ci sono però le voci auto aziendale e buoni pasto. Oggi i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti concorrono alla base imponibile Irpef solo per il 30% dell’importo corrispondente a una percorrenza convenzionale di 15mila chilometri, calcolata in base al costo chilometrico che deriva dalle tabelle Aci. La manovra conferma il beneficio solo per i veicoli ibridi ed elettrici, oltre che per quelli in uso agli agenti di commercio. Al contrario il reddito soggetto a tassazione aumenta al 60% per le auto “a basse emissioni di Co2” e passa al 100% per quelle inquinanti. Dalla maggiore tassazione deriverà un gettito aggiuntivo di 332 milioni nel 2020, 387 milioni nel 2021 e 378 nel 2022. Capitolo buoni pasto: l’articolo 83 della manovra in nome del “fisco digitale” riduce da 5,29 a 4 euro l’esenzione concessa su quelli cartacei aumentando in compenso da 7 a 8 euro la detraibilità dei buoni elettronici caricati su una tesserina magnetica. Secondo la Relazione tecnica, circa il 50% dei buoni è ancora cartaceo. Da gennaio, chi li ha in tasca si vedrà applicare maggiori trattenute. Risultato: un potenziale aggravio fiscale di oltre 20 euro al mese, ipotizzando 20 giorni lavorativi. A meno che l’azienda non decida di passare alla card elettronica. La Ragioneria è convinta che, fatte le somme, a guadagnarci sarà lo Stato, con 51 milioni di gettito aggiuntivo nel 2020, 56,1 milioni nel 2021 e 56 milioni nel 2022.

Partite Iva, cala di 341mila la platea della flat tax
La prima novità per le partite Iva è che la manovra del governo giallorosso elimina l’ampliamento della flat tax previsto lo scorso anno dai gialloverdi: stop, quindi, all’allargamento della tassa piatta (con aliquota del 20%) agli autonomi con ricavi tra 65.001 e 100mila euro. Con un risparmio per lo Stato di 154 milioni nel 2020, 2,5 miliardi nel 2021 e 1,5 miliardi nel 2022, quando la norma sarebbe andata a regime. Resta invece confermata quella al 15% per chi ha compensi inferiori ai 65mila euro. Rimane però qualche “paletto” tra quelli inseriti nelle prime bozze e contro i quali si era espresso il Movimento 5 Stelle. Partiamo da quelli che sono stati eliminati: esce di scena il paventato passaggio al regime analitico nella determinazione del reddito, che avrebbe comportato la necessità di fornire una puntuale documentazione di tutte le uscite registrate durante l’anno. Saltato anche il paletto che avrebbe escluso dalla flat tax chi spende più di 20mila euro per beni strumentali. In compenso vengono confermati i limiti ai compensi erogati a collaboratori o dipendenti: viene introdotto un tetto sempre di 20mila euro come condizione per poter accedere alla flat tax. E la manovra richiede anche un ulteriore requisito: non aver percepito quest’anno redditi da lavoro dipendente eccedenti i 30mila euro. L’ultima modifica è un “premio” per chi, pur avendo aderito alla flat tax, sceglie di fare solo fatture elettroniche: il fisco potrà muovere eventuali contestazioni solo sulle ultime quattro dichiarazioni dei redditi, invece che sulle ultime cinque come per tutti gli altri contribuenti.

La Relazione tecnica stima che nel complesso queste novità ridurranno da 1,4 milioni (platea individuata sulla base delle dichiarazioni dei redditi presentate nel 2018) a 1 milione il numero degli autonomi che pagano solo il 15% di imposte. E convinceranno 358mila di loro ad assoggettarsi spontaneamente alla fatturazione elettronica. L’effetto combinato è previsto essere ampiamente positivo per le casse pubbliche: +99 milioni nel 2020 che salgono a +894 milioni nel 2021, quando la Ragioneria dello Stato ipotizza un “risparmio” di ben 593 milioni per effetto dell’esclusione dal regime forfettario di chi l’anno precedente ha sommato ai ricavi da autonomo redditi da lavoro dipendente e assimilati per oltre 30mila euro. Poco meno di 148 milioni sono attesi invece come effetto della maggior fedeltà fiscale a cui saranno indotti gli autonomi che trasmetteranno le fatture alle Entrate per via elettronica.

Detrazioni per chi installa e utilizza il Pos
Al capitolo delle novità che cambieranno la vita di autonomi e professionisti vanno aggiunte le nuove misure previste dal decreto fiscale collegato alla manovra per favorire l’uso della moneta elettronica. Chi accetta pagamenti con il Pos avrà diritto a una detrazione del 30% sulle commissioni addebitate per le transazioni effettuate con carte di credito, di debito o prepagate. Inoltre anche il negoziante potrà partecipare a estrazioni ad hoc della lotteria degli scontrini che parte da gennaio. Sarà al contrario penalizzato chi tira dritto e pretende di essere pagato solo in contanti: dal luglio 2020 per i renitenti al Pos scatteranno multe di 30 euro più il 4% del valore della transazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ex Ilva, ArcelorMittal annuncia addio. Governo convoca i vertici dell’azienda. Patuanelli: “Non consentiremo la chiusura dello stabilimento”

prev
Articolo Successivo

Manovra, Confindustria: “Nostro giudizio critico su evasione, scelte demagogiche. Urgenza del gettito penalizza le imprese”

next