Magari ArcelorMittal andrà fino in fondo riconsegnando l’Ilva allo Stato, che a quel punto dovrà farsi carico di circa 14mila persone e trovare un nuovo acquirente, che certamente riuscirà a spuntare condizioni più favorevoli rispetto agli attuali affittuari. Magari ArcelorMittal ha solo sparato alto per arrivare al vero obiettivo: rendere sostenibile sotto il profilo finanziario la gestione di Taranto, alle prese con la crisi del mercato dell’acciaio e impianti vecchi, grazie a un’infornata importante di esuberi. Qualunque sia il gioco dietro l’annuncio dell’addio, la reazione della politica è francamente patetica.

Matteo Renzi e il Pd rivogliono l’immunità penale dopo aver votato (due-settimane-due fa) l’emendamento soppressivo al decreto Salva-Imprese che ha dato la stura all’annuncio di ArcelorMittal. Se non è la causa scatenante, è quantomeno un catalizzatore della crisi. Renzi e il Pd, tra l’altro, l’immunità penale se l’erano inventata nel 2015. Hanno cambiato idea, insomma, già tre volte.

Il M5s continua un balletto isterico su Taranto. Aveva promesso la chiusura, Luigi Di Maio ha dato il via libera (colpa del “delitto perfetto“, ipse dixit. Ma anche no…), poi ha eliminato totalmente l’immunità penale nel decreto Crescita. Schiena dritta, finalmente. Ma anche no: l’immunità (a tempo e impianto per impianto) è tornata nel decreto Salva-Imprese, approvato sul finire del Conte 1. E proprio Luigi Di Maio ha spinto perché arrivasse al Colle entro il 6 settembre, quando lo scudo sarebbe saltato per effetto del decreto Crescita. Operazione riuscita, ma sabotata da un emendamento di Barbara Lezzi, nel frattempo diventata ex ministra. Ai Cinque Stelle non si può di certo imputare il cul de sac nel quale si è ritrovata l’Ilva, ma a gestire la faccenda nell’ultimo anno e mezzo sono stati loro. Con poca chiarezza.

La Lega urla e strepita: “Salvare i 10mila posti di lavoro”. La crisi di oggi affonda le radici nell’abolizione decisa con il decreto Crescita, approvata quando il Carroccio di Matteo Salvini governava. I voti che hanno portato a rischiare quei posti di lavoro sono anche i suoi. Ma che Salvini dimentichi ciò che ha detto o fatto, non è una novità.

Carlo Calenda ha le mani libere e attacca tutti. Ha buon gioco, perché ArcelorMittal giustifica il suo addio con l’abolizione dell’immunità penale. È certamente una causa, ma è orbo chi pensa che sia l’unica. Il primo player europeo dell’acciaio – che Calenda ha sostanzialmente scelto – ha acquistato le società del gruppo Ilva anche per allontanare concorrenti dal mercato interno. Diversi analisti raccontavano che questo fosse il vero e unico obiettivo già in fase di gara, ma il problema è stato bellamente ignorato perché Acciaitalia prometteva meno soldi e meno occupati. Il piano ambientale e industriale, secondo i tecnici, era quello vincente. Ma i numeri “visibili” di Arcelor erano migliori. Vero. Peccato che lo fossero solo sulla carta, a giudicare dal tentativo di fuga a un anno di distanza.

Questo solo per raccontare dei ‘peccati’ più recenti degli attori attuali della politica italiana che hanno avuto qualche ruolo nella crisi della più grande acciaieria d’Europa. Non guarderemo alle spalle, ci sarebbe da scriverci un’enciclopedia. Giusto un accenno: i lavori non fatti dai commissari (Arcelor se la prende anche con loro per le prescrizioni mai attuate dal 2015 a oggi sull’altoforno 2, che ora rischia di chiudere) e non contestati da chi doveva vigilare su come stesse andando avanti l’Ilva dal sequestro del luglio 2012. Sette anni pagati a caro prezzo da Taranto, dagli operai, dall’ambiente e dall’economia italiana. A sentirli parlare delle colpe degli altri, hanno tutti ragione. Perché hanno tutti almeno una parte di torto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ex Ilva, Salvini: “Mi sorprende la stupidità del governo. Torni indietro e chieda scusa. Renzi? Ne dice tante e fonda partiti ogni quarto d’ora”

prev
Articolo Successivo

Vaticano, prima garante per Berlusconi ora per Salvini. ‘Ruini il vendicatore’ colpisce ancora

next