Momenti di commozione a Domenica In quando Massimo Boldi, ospite in studio, ha ricordato la moglie Marisa Selo, scomparsa nel 2004 dopo una battaglia lunga 10 anni contro una malattia che l’aveva colpita. L’attore l’ha ricordata con affetto e ha raccontato un aneddoto su un fatto strano che gli capitava tempo fa, subito dopo il lutto: “I primi due anni dopo la sua morte avevo una luce in camera che nella notte cominciava ad accendersi. Potrebbe essere stata una presenza. Sono convinto che oggi si sia allontanata”, ha rivelato Boldi.

Oggi però l’attore ha ritrovato la felicità e l’amore con la nuova compagna Irene Fornaciari, di 34 anni più giovane di lui. Ma la differenza d’età non conta: “Dopo la morte della povera Marisa non me lo aspettavo. Ha dimostrato di volermi davvero bene – ha spiegato Boldi -. Da quando è mancata Marisa, ho avuto una storia complicata con una ragazza, con cui sono stato parecchi anni (Loredana De Nardis, ndr). Poi si è rotto l’incantesimo e i paparazzi mi chiavano ‘il fidanzato d’Italia’, mi fotografavano con ragazze che erano solamente amiche”.

L’amore con Irene è nato in modo inaspettato: “Per caso è arrivata Irene, conosciuta su un Frecciarossa: è venuta lei a chiedermi se potevo fare una presenza in una situazione di beneficenza. Non sono potuto andare ma ci siamo sentiti e visti. Qualche mese dopo, quest’estate, mentre ero in vacanza mi ha chiamato e mi ha invitato al suo compleanno. Le mie figlie hanno accettato Irene, perché hanno capito che è una ragazza giusta, che si prende cura di me“, ha concluso Massimo Boldi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brian Tarantina morto, addio all’attore di “Donnie Brasco”: è giallo sulle cause della morte

next
Articolo Successivo

Guns N ‘Roses, Axl Rose scivola e cade durante un’esibizione a Las Vegas: il video

next