Le società petrolifere non solo pagheranno una nuova imposta sulle piattaforme offshore, ma dovranno anche versare le royalties su tutti gli idrocarburi estratti. La legge di Bilancio elimina infatti le esenzioni dal pagamento di cui finora avevano goduto grazie a un decreto legislativo del 1996. Franchigie che consentivano di non riconoscere nulla allo Stato per le prime 20mila tonnellate di petrolio o i primi 20 milioni di metri cubi di gas estratti sulla terraferma e le prime 50mila tonnellate di petrolio o 50 milioni di metri cubi di gas ottenuti dai fondali marini. A disporre la fine del regime agevolato è l’ultima bozza della manovra, risultato dei vertici di maggioranza che si sono tenuti martedì e mercoledì a Palazzo Chigi e ormai pronta per essere inviata al Parlamento. Nel testo è confermata anche una stangata sulle banche – che vedono slittare la deducibilità delle svalutazioni e delle perdite su crediti – e sui concessionari autostradali, che potranno dedurre solo l’1% degli ammortamenti delle somme investite. plastic

Tra le altre misure c’è il ritorno della piena rivalutazione per le pensioni tra i 1.500 e i 2mila euro, quelle cioè tra tre e quattro volte il minimo. La Spi Cgil lamenta che “è un’elemosina” perché si tratterà di pochi euro all’anno. Sul fronte dei nuovi balzelli, nel testo c’è una stretta sulle auto aziendali concesse al dipendente “in uso promiscuo”, cioè sia per lavoro sia per utilizzo personale. Ecco tutte le novità, dalla nascita di un’Agenzia nazionale per la ricerca all’aumento dei diritti consolari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MORTE DEI PASCHI

di Elio Lannutti e Franco Fracassi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Fusione Fca-Psa, Conte avverte: “Continuità su produzione in Italia”. Fiom-Cgil: “È molto rischiosa”. Boccia: “Sì ai giganti europei”

next
Articolo Successivo

Alitalia, lettera di Lufthansa a Fs e ministero: “Disponibili a considerare l’investimento”. Ma mette paletti anche sul costo del personale

next