“L’accordo è stato tradito da parte libica e in parte dalle autorità italiane. Rinnovarlo è scandaloso e vergognoso se pensiamo che di mezzo ci sono le vite di migliaia di persone”. A dirlo, a margine di una conferenza stampa a Roma, il giornalista di Avvenire Nello Scavo, in riferimento al memorandum siglato tra il nostro Paese e Fayez al-Sarraj in scadenza. Scavo svelò nelle sue inchieste come il capo della cosiddetta guardia costiera libica, Abdul Rhaman Milad detto Bija, accusato dall’Onu di essere un trafficante di esseri umani, fu ospite delle autorità italiane in due diverse occasioni nel 2017.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa: foto hard, rapporti a tre, tatuaggi che rimandano al nazismo e la relazione con un dipendente. Si dimette la deputata Katie Hill

next
Articolo Successivo

Migranti, Amnesty: “Il memorandum Italia-Libia va stracciato, inaccettabile pagare governo che commette torture sulle persone”

next