È stato catturato nel tardo pomeriggio di martedì Cristoforo Aghilar, ex genero di Filomena Bruno, la 53enne uccisa a coltellate lunedì pomeriggio a Orta Nova, nel Foggiano. L’uomo è il principale sospettato dell’omicidio e i carabinieri gli stavano dando la caccia da oltre 24 ore, anche con l’ausilio dei Cacciatori di Puglia. Il 36enne è stato rintracciato a Carapelle, paese confinante con quello dove si è consumato il delitto.

Aghilar, latitante da fine settembre quando evase dai domiciliari, è ritenuto dagli inquirenti il principale indiziato dell’omicidio, maturato in un contesto famigliare. L’uomo aveva intrapreso una relazione con la figlia 21enne di Bruno e con lei si era trasferito in Germania. Lì – per quanto ricostruito finora – la ragazza si era accorta dell’indolente violenta di Aghilar ed era quindi rientrata in Italia, sollecitata dalla famiglia, andando a vivere a casa di parenti lontano da Orta Nova.

Negli scorsi giorni, il 36enne – che ha precedenti per reati contro il patrimonio – era rientrato in paese e sabato aveva avvicinato Filomena Bruno in un bar minacciandola con una pistola per sapere dove si trovasse la famiglia. La donna aveva protetto la figlia, si è rifiutata di fornire informazioni e ha allertato i carabinieri, che le hanno consigliato di andare a vivere dalla madre e di avvisare in caso di spostamenti.

Lunedì la 53enne – senza allertate i militare – è rientrata in casa per recuperare alcuni oggetti personali e in quel frangente, secondo gli investigatori, sarebbe stata raggiunta da Aghilar. Durante un diverbio, l’uomo avrebbe accoltellata per due volte al petto e si sarebbe poi dato alla fuga. È durata ventiquattr’ore. Nel tardo pomeriggio è stato fermato a Carapelle, in piazza Sicilia, e portato in caserma.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Foggia, “Filomena uccisa per proteggere sua figlia”: caccia all’ex genero, latitante da un mese. Le ricerche estese fuori dalla Puglia

prev
Articolo Successivo

Roma, 39enne entra nello studio legale dell’ex compagno, lo uccide a colpi di coltello e poi si consegna: discutevano per affidamento figlie

next