La Procura di Milano da un anno indaga sui messaggi di odio, più di 200, che la senatrice a vita Liliana Segre riceve ogni giorno. Il fascicolo, aperto per molestie e minaccia, è sul tavolo del procuratore aggiunto Alberto Nobili, a capo del pool antiterrorismo, da quando la senatrice, deportata e sopravvissuta ad Auschwitz, ha presentato più denunce. Non sarebbe la sola: secondo quanto riferiscono fonti investigative all’agenzia Ansa, la Procura avvia ogni anno indagini su una decina di messaggi contro il popolo o la religione ebraica.

La senatrice a vita, durante un incontro all’università Iulm (“Sono una persona civile, non conosco altro linguaggio che questo”), è tornata sui messaggi d’odio e sui loro mittenti: gli hater, dice, “sono persone per cui avere pena e vanno curate“. E alla domanda se queste persone possano essere “recuperate”, lei risponde così: “La speranza in una nonna c’è sempre, ma la realtà qualche volta si abbatte sopra la speranza con una bastonata tremenda. Io di bastonate ne ho prese tante e sono ancora qui”. La peggiore bastonata? “Quando hanno ucciso mio padre“. “Ogni minuto va goduto e sofferto – ha aggiunto – bisogna studiare, vedere le cose belle che abbiamo intorno, combattere quelle brutte, ma perdere tempo a scrivere a una 90enne per augurarle la morte… Tanto c’è già la natura che ci pensa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Violenza sulle donne, Istat: “Nel 2017 in 43mila si sono rivolte ai Centri antiviolenza. Offerta ancora insufficiente in 13 Regioni”

next
Articolo Successivo

‘Storia di Marcella che fu Marcello’, il libro di Bianca Berlinguer: “Attraversò tante sofferenze, ma mi disse che la sua vita era stata bellissima”

next