Fabio Cannavaro è o non è ancora l’allenatore del Guanzhou Evergrande? Le uniche cose certe sono che il 46enne campione del mondo non ha diretto l’allenamento della squadra di lunedì, quando è stato sostituito dal capitano Zheng Zhi, bandiera del club cinese. La società in una breve nota ha semplicemente spiegato che Cannavaro era assente perché impegnato a seguire “un corso di cultura aziendale“. Nessuna informazione sulla sua posizione, nonostante il tecnico non si sia nemmeno presentato in conferenza stampa dopo il pareggio per 2 a 2 contro il modesto Henan Jianye. Sui media cinesi tutti parlano del suo esonero, ma al momento senza conferme.

Cannavaro è arrivato in Cina alla guida del Guanzhou Evergrande nel novembre 2017 per sostituire l’allenatore brasiliano Luiz Felipe Scolari. Attualmente, a tre giornate dalla fine del campionato, il club si trova in prima posizione in classifica ma con un solo punto di vantaggio sullo Shanghai Sipg di Oscar, Hulk e Arnautovic. L’effetto di un crollo nelle ultime settimane (una sola vittoria in 9 match), durante le quali il Guanzhou è stato anche eliminato in semifinale di Champions League asiatica contro i giapponesi dell’Urawa Reds. Numeri troppo deludenti per una quadra che ha vinto sette campionati della Cina tra il 2011 e il 2017. Per questo l’avventura di Cannavaro è arrivata al capolinea, per quanto ancora non sia chiaro in che modo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Livorno-Pisa, oltre al pallone c’è di più. La rivalità è anche antropologica: “Loro coi padroni, noi anarcoidi”, “C’hanno solo il mare”

next
Articolo Successivo

Nuovo stadio San Siro, Sala: “Il nostro è un sì condizionato. Non è accettabile il progetto come è oggi”

next