“È un sì condizionato“, da 16 paletti dettati dal Consiglio comunale. Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, a margine della votazione sul progetto di Milan e Inter per il nuovo stadio di San Siro. La maggioranza si è espressa sul documento 8 dell’ordine del giorno con 27 voti a favore: la demolizione totale del Meazza è quindi superata. Il prossimo passo sarà la dichiarazione di pubblico interesse, che spetta alla giunta. “Il progetto come è oggi non è accettabile – ha detto il sindaco – da qua si ricomincia a lavorare a livello di giunta. Anche io ho votato, favorevolmente. I volumi però non sono realistici e sono eccessivi, uno sforzo per salvaguardare San Siro va fatto”. E sul piano B di Scaroni, che prevede la costruzione a Sesto San Giovanni: “Tutti devono averne uno nella vita, mi auguro che si arrivi a una conclusione positiva: così non si può”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fabio Cannavaro, il Guanzhou Evergrande lo sostituisce con il capitano in panchina. La nota: “È a fare un corso di cultura aziendale”

prev
Articolo Successivo

Milano, sì del consiglio a un nuovo stadio: “Ma non si abbatta il Meazza”. Ma Sala ai club: “Cambiare progetto, così è inaccettabile”

next