Non hanno aperto bocca davanti al gip di Roma, Valerio Del Grosso e Paolo Pirino, i 21enni accusati dell’omicidio di Luca Sacchi, il 24enne freddato con un colpo di pistola alla nuca nella notte tra mercoledì e giovedì, mentre si trovava con la sua fidanzata Anastasia davanti a un pub nel quartiere Appio, a Roma. I due, entrambi di San Basilio, nel corso dell’interrogatorio di convalida del fermo nel carcere di Regina Coeli si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. Per entrambi il giudice per le indagini preliminari ha convalidato il fermo.

Del Grosso, quello dei due che avrebbe materialmente sparato il colpo mortale contro Luca Sacchi, avrebbe chiesto scusa “non voleva uccidere nessuno”, così le parole riferite dall’avvocato Alessandro Marcucci, legale di Valerio Del Grosso. Paolo Pirino, anche lui silenzioso davanti al Gip, avrebbe reso una dichiarazione spontanea: “Ero lì per fare rapina, non volevo uccidere nessuno. E non sapevo che Del Grosso aveva con sè una pistola”.

A sparare, sarebbe stato Valerio Del Grosso. L’arma, forse una calibro 38, non è ancora stata ritrovata ma nel provvedimento di fermo del pm si legge che Del Grosso ha indicato dove è stata gettata. Rintracciata, invece, in un campo ai margini del Gra, nei pressi della Centrale del Latte, la mazza da baseball probabilmente utilizzata dagli aggressori nelle prime fasi della rapina contro Anastasiya Kylemnyk, la fidanzata di origini ucraine di Sacchi.

Il capo della Squadra Mobile di Roma, Luigi Silipo, e il colonnello Mario Conio, comandante del Reparto operativo dei Carabinieri di Roma, hanno spiegato che Del Grosso è stato rintracciato in un residence in zona Tor Cervara, mentre Paolo Pirino si era rifugiato sul terrazzo di una palazzina in zona Torpignattara. L’auto con cui erano fuggiti – una Smart bianca a quattro posti – è stata sequestrata.

A mettere gli investigatori sulle loro tracce, la segnalazione della madre di Del Grosso. “Temo che mio figlio abbia fatto qualcosa, forse è coinvolto nell’omicidio di Luca Sacchi” avrebbe detto, presentandosi nel tardo pomeriggio di venerdì in commissariato. Anche la compagna di Del Grosso si era rivolta ai carabinieri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luca Sacchi, la madre di uno degli accusati dell’omicidio: “Meglio in galera che tra gli spacciatori”. I due non rispondono al giudice

next
Articolo Successivo

Roma, anziana uccisa in casa: fermato il figlio della badante. Ipotesi di una rapina finita male

next