Sciopero generale in tutta Italia, dai trasporti fino alla raccolta rifiuti e alla giustizia. Una protesta proclamata per venerdì 25 ottobre dai sindacati Cub, Sgb, Si-Cobas, Usi-Cit per tutte le tutte le categorie pubbliche e private. Al centro l’alleggerimento dei carichi di lavoro, la cancellazione di Jobs Act e legge Fornero e l’aumenti dei salari. A Roma si fermano anche le municipalizzate per contestare l’amministrazione di Virginia Raggi, mentre i disagi più rilevanti a Milano saranno per la sospensione del trasporto pubblico. Lavori sospesi anche per camere penali e avvocati.

Trasporti – Quello aereo e ferroviario si fermerà per 24 ore dalle 21 del 24 ottobre, mentre quello pubblico locale, marittimo e autostradale dalle 22. Fermi anche i lavoratori Alitalia aderenti all’Usb (piloti, assistenti di volo e personale di terra), all’Anpac, Anpav (piloti e assistenti di volo per 4 ore dalle 10 alle 14) e Anp (per 4 ore dalle 10 alle 14). Le categorie di Cgil, Cisl, Uil e Ugl si fermeranno per 24 ore nell’azienda di trasporto regionale del Lazio Cotral e per 4 ore, dalle 13 alle 17, all’Enav. Filt-Cgil, Fit-Cils e Ugl-Ta hanno proclamato uno stop di tutta la giornata anche dell’handling degli aeroporti milanesi. Ferrovie dello Stato ha già fatto sapere che circoleranno regolarmente le Frecce di Trenitalia e saranno garantiti i collegamenti regionali nelle fasce pendolari (6:00-9:00 e 18:00-21:00). Assicurato anche lo shuttle fra Roma Termini e l’aeroporto Leonardo da Vinci di Fiumicino. Alitalia ha invece cancellato 240 voli e attivato un piano straordinario per i passeggeri, assicurando che opereranno regolarmente quelli nelle fasce garantite dalle 7 alle 10 e dalle 18 alle 21.

Milano e Lombardia – In una nota Atm fa sapere che lo sciopero per i mezzi di superficie va dalle 8,45 alle 15 e dalle 18 al termine del servizio mentre quella della metropolitana dalle 18 al termine del servizio. Trenord in una nota fa sapere che dalle 21 di questa sera alle 21 di venerdì 25 è previsto uno sciopero generale di tutte le categorie pubbliche e private che potrebbe coinvolgere anche il trasporto ferroviario. nel comunicato si specifica che “i treni regionali, suburbani e a lunga percorrenza di Trenord e il servizio Malpensa Express potrebbero subire limitazioni e cancellazioni“. Domani – prosegue la nota – prima dell’inizio dello sciopero, viaggeranno i treni in partenza entro le 21, che arrivano a destinazione finale entro le 22. Venerdì 25, dalle 6 alle 9 e dalle 18 alle 21, saranno effettuate le corse indicate sul sito di Trenord. Circoleranno autobus sostitutivi senza fermate intermedie per le eventuali corse non effettuate tra Milano Cadorna (in partenza da via Paleocapa, 1) e Malpensa Aeroporto e tra Malpensa Aeroporto e Stabio. Informazioni sull’andamento della circolazione saranno comunicate su sito e app Trenord e nelle stazioni – conclude la nota – tramite i monitor e gli annunci sonori.

Scuole – “Le scuole – fa sapere l’Ufficio relazioni sindacali del Miur – sono state pre-allertate da dieci giorni in merito allo sciopero che riguarda tutta la giornata di domani, tutto il personale scolastico e tutti gli istituti di ogni ordine e grado. A proclamarlo sono state alcune sigle sindacali minori, come Cub, Cub Sur, Sgb, Si-Cobas, Uti-Cit, Usi Edu e Slai Cobas. Sul sito del ministero – spiegano – abbiamo creato una pagina che si chiama ‘Diritto di sciopero’ in cui sono riportate le notizie relative alla proclamazione, all’adesione e ai dati di partecipazione agli scioperi riguardanti il settore della scuola. Inoltre, ogni dirigente scolastico può usufruire del sito della propria scuola per comunicare se si riuscirà a garantire le lezioni nel proprio istituto”. Il presidente dell’associazione presidi ANP Antonello Giannelli prevde però “disagi circoscritti per le scuole”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma. Sarà venerdì nero per trasporti, rifiuti e scuole: si fermano le aziende municipalizzate. “E’ il primo sciopero generale nella Capitale”

prev
Articolo Successivo

Maltempo, allerta meteo in Sicilia: scuole chiuse in 5 Province. Sospesa la circolazione ferroviaria

next