L’inchiesta di Report dedicata ai legami tra dirigenza di via Bellerio e Mosca ha colpito nel segno, riaccendendo la polemica politica sul presunto finanziamento russo alla Lega di Matteo Salvini. Poche ore dopo la messa in onda dello spot che annuncia la seconda puntata, la trasmissione è finita sotto accusa nel consiglio di amministrazione della Rai, dove i consiglieri del Carroccio e di Fratelli d’Italia hanno accusato il programma condotto da Sigfrido Ranucci di violare le norme sulla par condicio in vista delle regionali in Umbria. “In questa azienda sono sempre stato libero di fare correttamente il mio lavoro – è il lapidario commento di Ranucci a IlFattoQuotidiano.itcontinuerò a essere libero e non ho motivo di pensare il contrario”.

Durante la riunione Igor De Biasio (indicato dalla Lega) e Giampaolo Rossi (indicato da Fratelli di Italia) hanno messo sul tavolo le disposizioni della Commissione di vigilanza parlamentare sull’applicazione della par condicio in occasione delle elezioni regionali, sostenendo che la normativa nazionale debba essere estesa al caso dell’Umbria, i cui cittadini saranno chiamati alle urne domenica 27 ottobre. Una tesi respinta da Rita Borioni (Pd) e Riccardo Laganà (dipendenti) che hanno difeso la trasmissione, sostenendo che ha semplicemente esercitato il diritto di cronaca.

Secondo Rossi, la puntata “è apertamente finalizzata al condizionamento del dibattito politico e questo il Servizio Pubblico non può farlo”. L’ex presidente di Rainet ed editorialista del Tempo si sarebbe lamentato della tempistica, sottolineando come sarebbe stato ben diverso se la stessa puntata fosse andata in onda una settimana dopo il voto. In questo secondo caso la scelta di Report, secondo Rossi, sarebbe rientrata nell’ambito della “legittima libertà editoriale” del programma.

Una posizione non facile da sostenere, perché la norma in materia appare chiara: le disposizioni approvate dalla Commissione di Vigilanza Rai il 17 settembre per la regolamentazione del servizio pubblico in occasione delle regionali umbre “si applicano – si legge – nell’ambito territoriale interessato dalla consultazione“.

La stessa legge sulla par condicio, spiega una fonte di viale Mazzini, “prescrive che in occasione delle competizioni elettorali i mezzi d’informazione debbano garantire la parità di trattamento e l’imparzialità rispetto a tutti i soggetti politici sui temi della campagna elettorale, laddove il presunto finanziamento da 65 milioni al Carroccio tramite compravendita di petrolio russo non rientra tra le tematiche in ballo nelle regionali di domenica”. Oltre al fatto che nell’inchiesta non si è parlato di nessuno degli esponenti politici candidati in Umbria.

A proposito di tempistiche, in azienda c’è chi sottolinea una curiosa coincidenza temporale: Lega e Fratelli d’Italia hanno avviato la loro battaglia in consiglio di amministrazione dopo che martedì la Rai ha messo in onda uno spot che annuncia la seconda puntata dell’inchiesta. Secondo alcune fonti aziendali, i rilievi mossi oggi in cda sarebbero un tentativo di evitare che lunedì prossimo Report torni su un argomento così sgradito al Carroccio.

Mentre l’amministratore delegato Fabrizio Salini fa sapere attraverso le agenzie di aver difeso la trasmissione, il Pd si schiera compatto in difesa di Ranucci e dei suoi giornalisti. “Nel servizio pubblico si difenda la libertà di espressione – scrive su Twitter il segretario Nicola Zingaretti – Se qualcuno deve esprimere opinioni diverse o fornire versioni alternative ha il diritto di farlo. Ma censurare non può farlo nessuno. #reportrai3″.

Twitter: @marco_pasciuti

m.pasciuti@ilfattoquotidiano.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Africa assente nei media italiani: se ne occupano solo il 2,4% delle notizie dei tg e in prima pagina ci va solo per l’immigrazione

prev
Articolo Successivo

Torna il Riformista e pare il patto del Nazareno: ci scriveranno Bergamini e Boschi. L’editore sarà Romeo. “La linea? Siamo per abolire il carcere”

next