“Voglio giustizia, ho perso mio figlio”. Parla il padre di Sukhraj Rathor, il quattordicenne studente che si è accasciato ed è morto durante la lezione di educazione fisica all’Istituto Tecnico Tecnologico Barsanti di Castelfranco Veneto. Jasbir Rathor, che vive con la famiglia a Riese Pio X, si appella a una circostanza molto precisa. “Stava bene tanto che anche gli ultimi esami per il certificato medico sportivo avevano dato un risultato positivo e oggi avrebbe giocato la sua prima partita di calcio della stagione. Non so cosa sia successo, non riesco a trovare una ragione a tutto questo, qualcuno deve darmi delle spiegazioni”. In effetti qualche problema di salute, legato all’epilessia, Sukhraj lo aveva manifestato in passato. Ma lo zio Parmjit Singh asicura: “Aveva fatto una visita medico sportiva sotto sforzo proprio giovedì scorso e il risultato era positivo tanto che aveva ripreso a giocare a calcio”. Come può un ragazzino essere giudicato idoneo perfino alla pratica agonistica e morire in pochi attimi, durante la fase di riscaldamento di educazione fisica? E’ quello che la famiglia vuole chiarire, per questo la Procura della Repubblica farà eseguire l’autopsia per determinare le cause del decesso.

Appassionato di calcio, dopo un anno di inattività, non vedeva l’ora di tornare sul campo. E lo avrebbe fatto visto che gli era stato rilasciato il certificato d’idoneità sportiva. Rathor, che portava l’inconfondibile copricapo Sikh, si era allacciato le scarpe da ginnastica e aveva cominciato a correre assieme ad alcuni compagni. Non era quindi sotto sforzo, aveva appena cominciato la fase di riscaldamento. Il tentativo di salvargli la vita è stato inutile. Per prima ci ha provato l’insegnante di educazione fisica, che si è subito resa conto della gravità della situazione. L’Istituto tecnico ha fatto sapere che è stato usato il defibrillatore in dotazione alla palestra. Ma i tentativi di far ripartire il cuore non hanno avuto esito positivo. E nemmeno i sanitari dell’ospedale di Castelfranco, arrivati nella scuola in pochi minuti, hanno avuto esito positivo. Il tentativo di rianimazione è durato circa mezz’ora.

In passato Sukhraj era stato vittima di un malore quando frequentava le scuole medie e tre anni fa sul campo da calcio aveva perso i sensi durante un allenamento. Campanelli d’allarme che non erano stati sottovalutati, fino alla visita medico sportiva liberatoria di qualche giorno fa. La Procura dovrà valutare se la morte del quattordicenne sia legata all’attività motoria durante la lezione di educazione fisica o se possa essere dovuta ad altre complicanze.

La scorsa settimana, a Treviso, si era verificata una situazione analoga, quando un sedicenne si era accasciato durante l’allenamento, sulla pista di atletica degli impianti comunali. Ma l’uso del defibrillatore e la perizia del presidente della società, da quarant’anni operatore del 118, gli avevano salvato la vita.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vaticano, monsignor Galantino risponde alle accuse di Nuzzi: “Nessun rischio crac, c’è solo esigenza di spending review. Che è già n corso”

prev
Articolo Successivo

Bari, dai Balcani all’Italia con 450 kg di marijuana sul motoscafo: arrestato dalla Guardia di finanza

next