“Nessun passo indietro, nessuna delusione – così Giuseppe Conte sulla Manovra – Era preferibile partire il primo luglio del prossimo anno, ma non possiamo offrire qualcosa e non un’altra, funziona se tutte le componenti vengono in applicazione contemporaneamente. Un ritardo è una sconfitta? Cosa sono sei mesi rispetto alla modernizzazione del Paese? Il confronto di ieri è servito a raccogliere meglio le sensibilità delle forze politiche, la Legge di Bilancio è la più importante in assoluto e qui si concentrano tutte le aspettative delle forze politiche” ha detto il Presidente del Consiglio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Catello Vitiello, il deputato massone ex M5s passa a Italia viva: “Nuova avventura con un leader che ha idee chiare e voglia di riscatto”

next
Articolo Successivo

Regeni, la nuova promessa della procura del Cairo all’ambasciatore italiano: “Volontà di fare progressi nella cooperazione giudiziaria”

next