“Nessun passo indietro, nessuna delusione – così Giuseppe Conte sulla Manovra – Era preferibile partire il primo luglio del prossimo anno, ma non possiamo offrire qualcosa e non un’altra, funziona se tutte le componenti vengono in applicazione contemporaneamente. Un ritardo è una sconfitta? Cosa sono sei mesi rispetto alla modernizzazione del Paese? Il confronto di ieri è servito a raccogliere meglio le sensibilità delle forze politiche, la Legge di Bilancio è la più importante in assoluto e qui si concentrano tutte le aspettative delle forze politiche” ha detto il Presidente del Consiglio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Catello Vitiello, il deputato massone ex M5s passa a Italia viva: “Nuova avventura con un leader che ha idee chiare e voglia di riscatto”

prev
Articolo Successivo

Regeni, la nuova promessa della procura del Cairo all’ambasciatore italiano: “Volontà di fare progressi nella cooperazione giudiziaria”

next