In Salento continuano gli sbarchi di migranti. Intorno alle 6 di lunedì, una barca a vela con a bordo 50 persone, tra le quali si contano anche 19 minori, di cui 18 non accompagnati, è stata intercettata da Guardia di Finanza e Guardia Costiera al largo di Santa Maria di Leuca e portata in porto per permettere lo sbarco. Secondo quanto riporta l’Adnkronos, i due scafisti, anche loro a bordo del mezzo, sono stati individuati dalle forze dell’ordine e la loro posizione è adesso al vaglio degli inquirenti.

Solo pochi giorni fa, altri 81 migranti sono arrivati in due distinti sbarchi. A Leuca, giovedì scorso, hanno toccato terra in 47 provenienti da Pakistan, Iran, Iraq, India, Bangladesh e Afghanistan, tra i quali anche una donna e una bambina e altri nove minori non accompagnati. Trentaquattro, invece, i migranti curdo-iracheni, tra i quali anche donne e tre bambini tutti accompagnati, arrivati venerdì all’alba a Otranto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino: incendio alla Cavallerizza Reale, fiamme sul tetto. Lo storico complesso è patrimonio Unesco

next
Articolo Successivo

Torino, in fiamme la Cavallerizza Reale patrimonio Unesco: il tetto crollato e i danni visti dall’interno

next